Il procuratore antimafia Gratteri sulle normative svizzere
Immagini articolo
'Le cosche si infiltrano
se le pene sono lievi'
ALESSIA TRUZZOLILLO


La ‘ndrangheta è presente nei territori ricchi, in cui è facile mimetizzarsi. Accade in Svizzera, ma anche in Germania, in Belgio o nel Sud della Francia". Il procuratore capo della Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro - reduce da una delle operazioni più importanti degli ultimi vent’anni, che vede in parte protagonista anche la Svizzera - non ha dubbi. E parlando con il Caffè spiega qualcosa di molto importante sulla lotta alle mafie.
"Per la criminalità organizzata - dice Gratteri -  è più facile mimetizzarsi in quei territori in cui vi è un problema di conoscenza del fenomeno mafioso e in cui non vi è un sistema penale e processuale in grado di contrastarlo". Il procuratore va oltre nella sua analisi facendo un concreto esempio.
"Basti pensare che in Svizzera - spiega Gratteri - il reato omologo al nostro 416 bis, ovvero l’associazione mafiosa, è l’associazione segreta che prevede una pena edittale (ndr. ovvero il minimo e il massimo stabilito dalla legge) massima di 5 anni, l’equivalente in Italia di una condanna per detenzione di pistola con matricola abrasa. A questo punto e a queste condizioni - aggiunge il procuratore - per le organizzazioni mafiose vale la pena rischiare perché le condanne in cui incorrono sono ridicole".
Inevitabile, di fronte a questo scenario,  chiedersi quali sono le principali attività in Svizzera della ‘ndrangheta. Il procuratore ha una risposta precisa: "Vendere droga, certamente - spiega Gratteri -, ma, in maniera significativa, vi è il traffico di armi. Ci imbattiamo frequentemente in questo reato nel corso delle indagini. Bisogna capire perché dalla Svizzera arrivano armi in grande quantità. Dove sta la falla nel sistema?".
Inevitabile puntare l’attenzione riciclaggio di denaro sporco, professionisti legati alle cosche portano in Svizzera consistenti somme di denaro. "Bisogna però dire - specifica il procuratore Gratteri - che negli ultimi tempi si è registrata una certa apertura da parte delle autorità svizzere. Il sistema bancario oggi risponde alle richieste di rogatoria". Il problema vero, importante, aggiunge il procuratore "è la scarsa conoscenza del fenomeno mafioso, necessaria per operare il contrasto alla criminalità organizzata".

a.t.
28.01.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

I matrimoni politici
impossibili (o quasi)
L'INCHIESTA

Il bluff della canapa light
in 5 minuti diventa droga
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Gli affari d'amore
non si fanno in banca
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Trump con i tassi bassi
sogna d'essere Reagan
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra senza confini
dei "mercenari killer"
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
07.11.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 novembre prossimo
26.10.2018
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2017 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
26.10.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da sabato 27 ottobre 2018 alle ore 8:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
24.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 5 novembre 2018.
23.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all’aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre e in Val Poschiavo dal 16 ottobre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Bregaglia
22.10.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2018
16.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Poschiavo
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Atene: scontri
alle celebrazioni
per la Rivolta
del Politecnico

CIA:
il principe saudita
ha fatto uccidere
Khashogggi