L'ultima inchiesta sulle infiltrazione della 'ndrangheta
Immagini articolo
Il vino delle cosche
in vendita in Svizzera
ALESSIA TRUZZOLILLO DA CATANZARO


È  una delle operazioni antimafia più importanti degli ultimi vent’anni. Sono 170 le persone finite in manette con l’accusa di essere capi e gregari della cosca Farao-Marincola di Cirò Marina, piccolo comune nella provincia calabrese di Crotone. La cosca - riportano le indagini condotte dalla magistratura di Catanzaro e seguite da un pool di magistrati, dal procuratore capo Nicola Gratteri all’aggiunto Vincenzo Luberto e ai sostituti Domenico Guarascio, Fabiana Rapino e Alessandro Prontera - aveva potenti addentellati nel Centro e nord Italia e in Germania. Quella calabrese è riuscita a coordinarsi con tre procure tedesche e a garantire l’arresto di 13 persone, oltre al sequestro di diversi locali commerciali. I Farao-Marincola controllavano, in alcuni casi avendone il monopolio, le attività imprenditoriali nei territori sotto scacco con il coinvolgimento di amministratori e imprenditori compiacenti.
Da questo maxiblitz - denominato "Stige" - contro la ‘ndrangheta calabrese, risulta non essere rimasto immune il territorio svizzero. Le intercettazioni parlano chiaro, così come le dichiarazioni dei collaboratori di giustizia. L’8 febbraio del 2017 uno degli esponenti di spicco della consorteria, Francesco Tallarico, viene intercettato dai carabinieri del Ros mentre conversa con Rocco Crivaro, fratello di Franco ritenuto un esponente della ‘ndrangheta crotonese in Lombardia. I due parlano dell’esportazione di prodotti vinicoli in Germania e in Svizzera. Tra le accuse formulate contro gli indagati, vi è, infatti, quella di avere imposto, a scapito degli altri produttori, i propri prodotti vinicoli attraverso "rodati canali di commercializzazione". Un volume d’affari ingente come testimoniano le parole dello stesso Tallarico: "Siamo andati in Svizzera  … quando siamo arrivati in … dopo siamo andati a Lugano … omissis … abbiamo trovato uno che ha assaggiato il vino…  noi siamo andati ed abbiamo portato un cofano di vino giusto così per regalarlo … per farlo vedere  … Quel vino là è fatto proprio di vino… non è roba fatta… Hai capito com’è? … omissis … infatti sono un milione di bottiglie e sono finite". La cosca, dunque, controlla i suoi affari anche in territorio elvetico. A controllare l’imposizione dei prodotti vinicoli è un altro esponente ai vertici del clan, Giuseppe Sestito, che aveva fatto produrre alle cantine crotonesi Zito, una linea di vini (rosso bianco e rosato) denominata "Zu’Lorenzo". Lorenzo non è un nome scelto a caso, è il nome del defunto padre di Sestito il quale lo distribuiva attraverso la società "Tre Q srl".
Locali e ristoranti, controllati dai Farao-Marincola acquistavano il vino "Zu’Lorenzo". Nel corso di una intercettazione tra Sestito e Tallarico, i due parlano di una serie di investimenti da attuare in Svizzera, in accordo con tale Mario Donato Ferrazzo, considerato esponente del locale di ‘ndrangheta di Mesoraca. Tallarico ha incontrato Ferrazzo e riporta notizie del loro incontro - in cui si è parlato degli investimenti in Svizzera - a Sestito. "Ha detto - ‘Sedici locali sono nostri’ - e poi il resto sono in società - "Ma vieni tu o dobbiamo andare noi?" - "No, no, vengo e andiamo insieme" - "Ci diamo un appuntamento e ci vediamo direttamente là" - però ha detto in Svizzera interna … omissis … Dice che "L’importante è che tu sei a posto con i documenti"… omissis … Problemi non ce ne sono, altrimenti che stiamo andando a fare là? Ha detto". La conversazione è "omissata": ci sono informazioni ancora riservate riguardo alla Svizzera sulle quali gli investigatori stanno ancora indagando.
Altro particolare che emerge dalle carte dell’inchiesta è il procacciamento di armi proveniente dalla Svizzera. La cosca Farao-Maricola ha disponibilità di armi. Le indagini della Dda di Catanzaro hanno messo in luce come queste attraversassero l’Europa per giungere ai clan. Il percorso era Germania-Italia ma anche Svizzera-Italia come racconta il pentito Francesco Oliverio. "Sempre tramite i Crivaro - dice Oliverio -, Francesco Tallarico si procurava armi, corte e lunghe, che ai Crivaro provenivano dalla Svizzera".
28.01.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

"Su Argo 1 il governo
ha delle responsabilità"
L'INCHIESTA

Interessi immobiiari
dietro i milioni in pista
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

La giovane Greta
contro le energie fossili
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Brexit un divorzio
che non avrà vincitori
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Otto appuntamenti
nel mondo che muta
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023.
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
21.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2018
20.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, novembre 2018
18.12.2018
Licenziato il messaggio relativo all’approvazione del Piano cantonale delle aggregazioni
12.12.2018
Ampliato il ventaglio dei colori per le mappe della qualità dell'aria [www.ti.ch/oasi]
09.12.2018
Nuovo orario 2019 per i mezzi di trasporto pubblico in Ticino [www.ti.ch/trasporti]
07.12.2018
Concorsi scolastici 2019/2020 - è aperto il concorso per la nomina e l'incarico di docenti e operatori

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ungheria
di nuovo
in piazza
contro Orban

Messico:
65 morti
durante furto
di combustibile