Legambiente lancia l'allarme, non ci sono controlli
Immagini articolo
Troppa microplastica
minaccia i laghi ticinesi
MAURO SPIGNESI


Piccole, piccolissime, praticamente microscopiche. Eppure altamente pericolose. Le microplastiche stanno invadendo le nostre acque. Laghi e fiumi, soprattutto. Nel Verbano, ha calcolato un recente rapporto della Goletta verde di Lega ambiente, sono state riscontrate 123mila particelle per chilometro quadrato. Non ci sono dati, invece, per il lago di Lugano. "Anche se nelle nostre periodiche operazioni tramite i battelli con le griglie, che trattengono ciò che resta sospeso in superficie, qualcosa troviamo, non certo frammenti perché quelli non si vedono, ma altro materiale più grosso", spiega Fabio Schellmann, segretario del Consorzio pulizia delle rive e dello specchio d’acqua del Lago Ceresio. E aggiunge: "Viene rilevata la plastica quando si verificano forti e violente piogge e i fiumi scaricano nel lago di tutto, comprese bottigliette e buste che magari vengono abbandonate nei boschi. Quando puliamo i fondali invece riemergono copertoni, vasi di fiori, persino vecchi televisori e biciclette, che chissà da quanto tempo erano lì".
Il problema vero, tuttavia, è che non esiste una normativa precisa per vietare l’avvelenamento dei laghi da microplastiche. E questo nonostante imponenti campagne di sensibilizzazione scattate un po’ in tutta Europa e un piano d’azione coordinato dagli Stati del G7. Proprio sulla scia di questa politica di difesa dell’ambiente, un anno fa il consigliere nazionale dei verdi Glättli Balthasar aveva presentato una mozione a Berna chiedendo di vietare l’uso di cosmetici che liberano microplastiche primarie formate da minuscole particelle di granulato che si trovano ad esempio in creme esfolianti per il corpo, docciaschiuma o dentifrici. E che finiscono nei laghi e dunque vengono poi assorbite dai pesci entrando nella catena alimentare, attraverso le acque di scarico, visto che i filtri dei depuratori non sempre riescono a trattenere questo materiale. Il Consiglio federale, tuttavia, aveva chiesto di respingere la mozione sostenendo che sì, è vero, esiste questo genere di inquinamento, ed è stato sottolineato in uno studio condotto dal Politecnico federale. Ma per ora non ci sono dati scientifici tali da far scattare un allarme ambientale.
"Il problema è che non esiste un valore di legge, un limite che abbia una evidenza scientifica tale da prefigurare un danno ambientale e dunque che possa poi giustificare una nostra attività ispettiva - spiega Marco Jermini, direttore del Laboratorio cantonale -. Auspico che anche su questo fronte la politica possa intervenire presto. Ma per ora noi non abbiamo competenze sulle microplastiche". Il problema sono anche i valori di riferimento, cioè la portata della presenza di queste particelle nelle acque. Quale deve essere il limite per chilometro quadrato oltre il quale dovrebbe scattare l’allarme? Secondo Lega ambiente, ad esempio, sul lago Maggiore in corrispondenza del fiume Tresa, tra Luino e Germignaga, è stato riscontrato un picco preoccupante di oltre 550mila frammenti di microplastiche per chilometro quadrato. Un dato molto alto per cui sarebbero urgenti interventi drastici.

m.sp.
04.02.2018


Articoli Correlati
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

L'esame delle urine
non entra in classe
L'INCHIESTA

Via la plastica
da negozi e market
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il radar milionario
ha sbancato il Baffo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una crisi energetica
dalla guerra del petrolio
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'Ok Corral innesca
la faida dei marsigliesi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Poschiavo
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo
26.09.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 26 settembre 2018 alle ore 10.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Afghanistan:
attentato
a raduno
elettorale

Manifestazioni
a Parigi, in Europa,
nel mondo
per salvare il pianeta