Viaggio fra le norme e le leggi che stridono con il diritto
Immagini articolo
Il "Ticino dell'illegalità"
della politica e dei partiti
MAURO SPIGNESI


È il Ticino dell’illegalità. Quello che parte da principi nobili, come la sacrosanta lotta al dumping salariale e alla concorrenza sleale o il tentativo di allentare la pressione sul traffico, e finisce per deragliare andando a sbattere sul muro delle regole giuridiche violate. Dall’albo degli artigiani alla legge sui parcheggi, sino all’ultima proposta approvata dal Gran consiglio, il controllo sistematico dei permessi di lavoro. Quelle che per molti sembrano conquiste sociali rischiano di ridursi a uno strappo politico, in contrasto tuttavia con il diritto superiore e i trattati internazionali. Come, per fare un altro esempio, la richiesta - poi abbandonata - del certificato del casellario giudiziale per i permessi degli stranieri.
"C’è una preoccupante semplificazione della realtà - spiega lo storico Andrea Ghiringhelli -, frutto di questo clima di chiusura. Di questo integralismo che accomuna un po’ tutta la politica e ha coinvolto anche i partiti storici. Oggi ogni problema viene trattato come un’emergenza e si cercano risposte anche a costo di infrangere la legge". Per Ghiringhelli, in questa muscolosa tentazione ticinese di sfidare Berna e Bruxelles, c’è una politica dei proclami dove non è tanto importante raggiungere l’obiettivo ma dare l’impressione all’elettore che si faccia qualcosa per affrontare i problemi. Poi, se l’iniziativa naufraga, la colpa è del diritto superiore o di chi, nemico della volontà popolare, ha voluto firmare accordi internazionali che lasciano pochi spazi di manovra. "È una tendenza che va avanti da diversi anni - ammette il consigliere di Stato Christian Vitta -. Spesso, di slancio, si supera un limite per trovare soluzioni su questioni importanti. Senza tenere conto delle implicazioni legali. D’altronde non è sempre facile coniugare le diverse esigenze, compresa quella di rispettare il diritto superiore". Sull’ultima proposta, quella dei controlli dei permessi di lavoro, Vitta tuttavia sottolinea che "noi del governo abbiamo messo in guardia il Parlamento sui seri rischi di illegalità".
Resta il fatto che l’albo degli artigiani affronta una lenta agonia, messo in crisi da una prima sentenza del tribunale amministrativo che ha accolto il ricorso (ne sono stato presentati diversi, compreso quello della Seco) di un’azienda e con gli incassi della tassa d’iscrizione bloccati su richiesta del Consiglio di Stato. La legge sui parcheggi, approvata in parlamento il 14 dicembre 2015 dopo aver superato lo scoglio del voto lo scorso 5 giugno, è stata congelata in attesa che il Tribunale federale entri nel merito dopo aver concesso l’effetto sospensivo. Ora il parlamento ha approvato il controllo sistematico dei nuovi permessi. E già, da parte delle organizzazioni economiche e imprenditoriali, si parla di palese illegalità. Senza contare, poi, sui paletti posti da Berna alle modifiche alla Costituzione ticinese introdotte con l’iniziativa popolare "Prima i nostri", che lasciano un risicato, davvero sottile margine di manovra.
"Il diritto superiore va sempre rispettato - osserva l’economista Sergio Rossi -. Invece di approvare norme non conformi, almeno per quelle che riguardano l’economia, bisognerebbe rovesciare la prospettiva. Andare in un’altra direzione, perché se c’è un problema di dumping invece di penalizzare chi cerca legittimamente lavoro andrebbero sensibilizzati gli imprenditori. Facendo capire loro che chi investe sul nostro territorio deve avere una responsabilità sociale, deve offrire salari dignitosi, con contratti giusti e legali, perché poi il lavoratore spende, c’è una ricaduta per tutti e si stimola un’economia sana. Altrimenti è meglio che queste imprese vadano via".

mspignesi@caffe.ch
04.02.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La privacy è morta
evviva la privacy
L'INCHIESTA

Gli affiti il business
delle Ferrovie federali
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

E il dentista incassa
i soldi dei contribuenti
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il gioco a scacchi
tra Trump e Kim
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il dopo Chavez
che avvelena Caracas
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
06.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 18 febbraio prossimo
01.02.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 1° febbraio 2019 alle ore 9:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
30.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2018
29.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole medie superiori per il periodo 2019-2023
28.01.2019
I giovani e le aziende interessate a partecipare al programma di scambio Swiss Mobility sono invitati a porre candidatura entro il 15.3.2019
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
21.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ultimo
assalto
all'Isis
in Siria

Francia:
gilet gialli,
atto
numero 14