L'analisi di Avenir Suisse sull'alta formazione svizzera
Immagini articolo
"Le nostre università
sono le più costose"
CLEMENTE MAZZETTA


La frontiera come elemento di successo dell’Università della Svizzera italiana (Usi) e della La Scuola universitaria professionale (Supsi). È una delle conclusioni a cui si arriva leggendo il dossier "Più eccellenza, meno regionalismo", elaborato da Avenir Suisse dedicato alle università svizzere. La vicinanza al confine influisce in modo significativo sulla proporzione degli studenti stranieri. In tutti i cantoni. Il Ticino, ad esempio, spicca con il 70% di studenti internazionali all’Usi, il 79% all’Accademia di architettura fino al record, peraltro ovvio, del 91% al conservatorio della Svizzera italiana (swissuniversities.ch).
L’analisi di Avenir Suisse evidenzia come la proporzione di personale straniero (docenti) e studenti con formazione scolastica precedente all’estero sia particolarmente elevata, nei due politecnici di Zurigo, all’Università di Ginevra e di San Gallo, e in Ticino, dove due docenti su tre sono stranieri.
L’Usi e la Supsi, cosa per altro nota, sarebbero un territorio dove il concetto "prima i nostri" ha avuto poco successo. Questo uno dei motivi "non dichiarati" che ha portato il Parlamento ticinese, lo scorso dicembre, a costituire una commissione di controllo. Al di là di questo, e dal fatto che le università svizzere godono di un’ottima reputazione internazionale, lo studio ha sottolineato come gli investimenti nel sistema di istruzione terziaria siano considerevolmente aumentati negli ultimi 20 anni. Con un aumento pari al 70%, sono cresciuti più velocemente e molto di più del prodotto interno lordo (aumentato solo del 40%).  Molti cantoni, rimarca Avenir Suisse, sfiorano i propri limiti finanziari per mantenere invariata l’offerta di servizi universitari. Con l’eccezione Nidvaldo (-11%) e Basilea Campagna (-2%), le spese generali per la formazione universitaria sono cresciute in tutti i cantoni tra il 2005 e il 2014.  
L’aumento è stato particolarmente significativo nei cantoni Basilea Città (  48%), Vaud ( 41%), Zurigo ( 41%) e Friborgo ( 33%). In Ticino, per fare un esempio concreto, l’impegno finanziario globale cantonale annuo per la gestione corrente del settore universitario oscilla tra i 142 milioni di franchi per il 2016 e i 156 per il 2020. Nel 2013 erano 127 i milioni. Nel 2008 erano 110. Insomma rispetto al numero di studenti, la Svizzera è uno dei Paesi che spende di più per l’istruzione superiore. Per Avenir Suisse la svizzera ha costruito uno dei sistemi di istruzione superiore "più costosi del mondo". E nonostante ciò - ecco l’obiezione di fondo - questo grande investimento non sempre avrebbe portato a un miglioramento della qualità. Sarebbero stati privilegiati "interessi di politica regionale" più che la ricerca delle eccellenze. La crescita della spesa universitaria è quindi diventata "discutibile".
E allora la domanda è: ancora giusto spendere tanto e in questo modo? Due i motivi che farebbero propendere per il no. Primo, la diminuzione delle risorse economiche assorbite dalle esigenze sociali, in particolare dal problema dell’invecchiamento della popolazione. Secondo, l’aumento della competizione internazionale che impone di investire in modo maggiormente finalizzato nel campo della ricerca. Perciò occorre rafforzare e raggruppare le scuole superiori svizzere, e soprattutto abolire il sistema di finanziamento "ad innaffiatoio" privilegiando le eccellenze. Lo studio, che  conclude chiedendo di dare la priorità ad una politica di formazione e non ad una politica regionale (ma non cancella l’impressione di voler favorire i grossi centri), propone infine una serie di misure (ben dieci, vedi strisciata a sinistra) per migliorare il sistema formativo universitario.

cmazzetta@caffe.ch
04.02.2018


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Troppa canapa light
e il mercato è saturo
L'INCHIESTA

Se lavori oltre i 65
rendite più ricche
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dagli esodati
ai pensionati d'oro
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una tregua "olimpica"
riunisce le due Coree
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La folle corsa nucleare
non è solo propaganda
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La tendenza a esagere
...ereditata dai greci
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.02.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, gennaio 2018
12.02.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre 2017
12.02.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È in linea il nuovo dossier concernente la protezione dell'ambiente in Ticino
08.02.2018
La Segreteria del Gran Consiglio ha pubblicato la lista delle presenze dei Deputati alle sedute della legislatura in corso
07.02.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 febbraio prossimo
01.02.2018
Aggiornato il formulario della domanda di costruzione (versione 01.2018) [www.ti.ch/edilizia]
31.01.2018
Lingue e stage all'estero - 20 anni di scambi linguistici. Partecipa al concorso.
22.01.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2017
11.01.2018
Prova delle Sirene 2018
10.01.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 22 gennaio 2018.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Kosovo:
si festeggiano
i 10 anni
d'indipendenza

Messico:
la terra trema
e le paure
riaffiorano