Come si è svolto l'"assessment" per il dopo Noseda
Immagini articolo
Ecco le domande
al futuro procuratore
ANDREA STERN


Il perché i risultati del cosiddetto "assessment" non possano essere resi pubblici, è difficile da comprendere. Leggendo le domande che l’Istituto di psicologia applicata della Zhaw di Zurigo ha posto in ottobre ai quattro candidati per la successione del procuratore generale, John Noseda, non si trova nulla che possa violare la sfera personale.
A Moreno Capella, Andrea Pagani, Antonio Perugini ed Emanuele Stauffer è stato chiesto ad esempio "quali obiettivi desidera raggiungere nel corso del suo primo semestre", "come si immagina il suo metodo di lavoro e il suo ruolo in qualità di procuratore generale", "a quali sue capacità, qualità ed esperienze potrà ricorrere e in quale modo", "dove nota, in se stesso, l’esigenza di uno sviluppo o di un cambiamento personale alla luce degli obiettivi da raggiungere" o ancora "dove si vede fra cinque anni".
Domande che i candidati hanno ricevuto a casa alcuni giorni prima dell’appuntamento a Zurigo e per le quali hanno potuto preparare le risposte per iscritto. Quindi, nel giorno del test, i quattro aspiranti procuratore generale sono stati sottoposti, tra le altre cose, a una simulazione di colloquio con un dipendente della Zhaw cui andava rimproverata una mancanza lavorativa, sotto lo sguardo di due psicologi. Poi è partita un’altra serie di domande. In questo caso 300, tutte a "risposta chiusa", come ad esempio "preferisce il caldo o il freddo" a "è più importante il lavoro o la famiglia".
Indicazioni che qualcuno potrebbe ritenere personali ma che non dovrebbero disturbare chi ambisce a occupare una carica sotto i riflettori come quella di procuratore generale.
Fatto sta che, come già emerso, colui che ha brillato più di tutti sembra essere stato l’outsider Emanuele Stauffer, penalizzato nella corsa in Procura dalla volontà politica di privilegiare un candidato interno. Stauffer sarebbe stato l’unico a ottenere la valutazione di 1 su 3, la migliore. A Capella e Perugini sarebbe stato assegnato un 2, mentre il voto peggiore, 3, sarebbe andato a Pagani.
Perché e percome Stauffer sia stato il più brillante non lo sapranno però mai coloro, i granconsiglieri, che durante la seduta del prossimo 19 febbraio saranno chiamati a scegliere uno fra i quattro candidati. I deputati riceveranno dall’Ufficio presidenziale unicamente le indicazioni espresse dalla Commissione di esperti indipendenti. Nella loro delicata scelta non potranno quindi tenere conto anche dei risultati dell’"assessment" commissionato dallo stesso Ufficio presidenziale a un istituto, la Zhaw, che si è già occupato in passato di valutare i candidati al Ministero pubblico della Confederazione e a varie procure cantonali, tra cui Zurigo e Berna.
Cinque ore di esame e 28’000 franchi. Ma stando all’Ufficio presidenziale si è trattato di un test che potrà essere utile in vista di futuri concorsi. Intanto negli scorsi giorni Ps e Lega hanno sentito i candidati. Nei prossimi giorni sarà il turno degli altri partiti.

astern@caffe.ch
04.02.2018


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

La bestiale estate
del sovranismo
L'INCHIESTA

"La Svizzera annetta
Campione d'Italia"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Nell'era degli ebook
i libri vanno a ruba
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
L'"altalena" della lira
nella crisi della Turchia
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La dieta dei cittadini
interessa i governanti
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, luglio 2018
10.08.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 10 agosto 2018 alle ore 11.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
03.08.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico dell'Ufficio di Consulenza tecnica e dei lavori sussidiati [www.ti.ch/consulenza-tecnica]
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2018
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, giugno 2018
09.07.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 9 luglio 2018 alle ore 13.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
28.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2017
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Genova:
le esequie
e le polemiche

Austria:
la ministra
si sposa
e invita Putin