Julia Klöckner, neo ministro, potrebbe sostituire la Merkel
Immagini articolo
La superwoman Cdu
potenziale Kanzlerin
STEFANO VASTANO DA BERLINO


La Confindustria tedesca si è già lamentata delle concessioni della Merkel ai socialdemocratrici nelle 178 pagine del "contratto" della Grosse Koalition. Ma ciò che ha scatenato l’ira di tanti boss e premier regionali della Cdu sono quei 6 dicasteri alla Spd. Per adescare Martin Schulz e i suoi compagni nella terza "GroKo" infatti Merkel ha lasciato alla Spd il dominio delle Finanze, il regno che per 8 anni fu di Schäuble, oltre agli Esteri e al ministero del Lavoro.
"La Spd - ha reagito Daniel Günther, premier della Cdu in Schleswig-Holstein - ha ottenuto troppo, la Cdu ha bisogno ora di un rinnovamento". Annegret Kramp-Karrenbauer, premier della Cdu in Saarland, l’ha detto chiaro e tondo: "Le Finanze le avremmo dovute gestire noi, darle alla Spd fa male". L’era in cui le scelte della Merkel erano "alternativlos" nella Cdu, "senza alternative" - come la Merkel definì l’euro - è finita. E dato che proprio la Kramp-Karrenbauer non compare nella rosa dei futuri ministri, i fari sono ora tutti puntati sulla sorridente  Julia Klöckner.
La 46enne, dal 2012 vicepresidente della Cdu, sorride non solo per il prossimo incarico di ministro dell’Agricoltura, ma perché è lei il potenziale successore di una Kanzlerin sfibrata, e al tramonto. Certo, tra le Superwoman della Cdu c’è anche Ursula von der Leyen: ma l’ex e futura ministra della Difesa è così ambiziosa da vedersi anche come Presidente della Repubblica. La Klöckner vola più basso, anche perché non le è riuscito nel 2011 né due fa anni fa di strappare alla Spd il feudo renano. In compenso, da brava Vize della Cdu ha difeso a spada tratta la Kanzlerin nelle trattative per la (fallita) "Jamaika-Koalition". Alta, bionda, elegante (e di recente dimagrita), Klöckner - una figlia di viticoltori che ha studiato pedagogia e teologia cattolica - entra nel 2002 nel Bundestag e per due anni è stata segretaria di Stato dell’Agricoltura. Il suo carattere allegro, spontaneo è agli antipodi della fredda, raziocinante e protestante Merkel. Nell’ultima campagna elettorale, ad esempio, si è espressa per un divieto del "Burka" per le strade tedesche.
Quel velo, ha sentenziato, "non è un simbolo religioso, ma una posizione politica". Il mese scorso ha persino bacchettato quelle femministe che "lottano per una lingua meno sessista ma, dice Klöckner, tacciono sul ruolo delle donne nelle famiglie arabe-patriarcali qui in Germania". Il tema di regole valide per tutti, profughi o meno, è il suo cavallo di battaglia: "Chi in Germania si rifiuta all’integrazione, ripete lei, deve capire che ha sbagliato il Paese in cui vivere". Famoso il cosiddetto "Piano A 2", dalle due paginette in cui l’aveva formulato, in cui si batteva - chiaramente contro le posizioni della Merkel - per un contingente annuo di migranti "e una riduzione del numero dei migranti", recitava il suo intransigente slogan sui manifesti elettorali.
Toccherà a questa bionda dal dolce sorriso, ma dal carattere deciso sostituire la tentennante Kanzlerin che venne dall’Est? Per ora non sappiamo neanche se la terza GroKo decollerà davvero (tutto dipenderà dal voto del 4 marzo sulla "GroKo" degli iscritti della Spd). Quel che è certo è che mai la Kanzlerin è apparsa tanto debole e invisa quanto oggi. E che di sicuro, come ci ha detto il politologo Herfried Münkler, "Merkel non è il tipo di voler durare in eterno come Berlusconi".
11.02.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Gli ospedali diventano
cliniche specializzate
L'INCHIESTA

Il successo di Airbnb
infastidisce gli hotel
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Niente video porno
tra i caffè americani
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I giganti del mercato
condizionano gli Stati
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La silente resistenza
del Califfato islamico
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
09.12.2018
Nuovo orario 2019 per i mezzi di trasporto pubblico in Ticino [www.ti.ch/trasporti]
07.12.2018
Concorsi scolastici 2019/2020 - è aperto il concorso per la nomina e l'incarico di docenti e operatori
06.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2018
05.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2018
05.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2018
05.12.2018
Aggiornati i dati su consumo e produzione di energia in Ticino consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2018
29.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2018
28.11.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 10 dicembre 2018.
26.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

La Cina
rilancia
la "Corsa
alla Luna"

Strage
di Corinaldo:
la discoteca
era sovraffollata