I retroscena della maxi tangente Eni aora a processo
Un intrigo globale
dall'Africa a Lugano
FEDERICO FRANCHINI


La vicenda Opl 245 è una matassa ingarbugliata il cui bandolo è in Nigeria. Qui, più che una manna, l’oro nero è una maledizione: invece che favorire lo sviluppo, il petrolio avvantaggia solo una piccola élite locale foraggiata dalle multinazionali occidentali. Una prassi nota ma di cui il caso Opl 245 è forse l’esempio più emblematico. Politici corrotti, società offshore, intermediari, affaristi e faccendieri: la trattativa che ha coinvolto Eni e Shell ha avuto un gran numero di protagonisti. Ognuno pronto a trarre vantaggio da questa operazione. Tutto comincia nel 1998. Al potere, in Nigeria, c’è il generale Abacha. È lui che assegna per 20 milioni il blocco Opl 245 a una società offshore, la Malabu,  dietro cui si nasconde l’allora ministro del petrolio Dan Etete.
Qualche anno dopo alla porta di Etete (nel frattempo condannato in Francia per riciclaggio) bussano prima la Shell e poi la Eni. Tra cause legali e depistaggi iniziano le trattative. Entrano in gioco i vari intermediari come Emeka Obi e i suoi sponsor italiani, Gianluca Di Nardo, imprenditore basato a Lugano e il pregiudicato Luigi Bisignani, considerato vicino a Paolo Scaroni, allora amministratore delegato di Eni. Ad un certo punto, però, la trattativa s’inceppa. Interviene il governo nigeriano con il presidente Goodluck Jonathan, che mette (apparentemente) fuori gioco la Malabu e i vari mediatori, rilasciando la licenza a Eni e a Shell per 1,092 miliardi di dollari.
Il gruppo italiano potrà così dire di aver trattato solo con il governo nigeriano. Ma per i pm di Milano la multinazionale sapeva che questo versamento sarebbe stato solo di passaggio e che il denaro sarebbe poi ritornato in parte alla società controllata da Etete e poi usata per pagare tangenti al presidente nigeriano e ad altri politici di alto rango.
Ma non solo: per l’accusa parte di quel denaro sarebbe rientrato ai dirigenti stessi di Eni e Shell. Dopo una lunga inchiesta, lo scorso 20 dicembre il tribunale di Milano ha deciso di rinviare a giudizio le due società, diversi loro quadri, l’ex ministro Etete e vari intermediari. Il processo inizierà il 5 marzo.
25.02.2018


Articoli Correlati
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Sgravi fiscali per tutti
con un taglio del 5%
L'INCHIESTA

L'estate al museo
con 100mila visitatori
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Nelle città turistiche
non si santifica la festa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I missili non aiutano
la Siria senza pace
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
24.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

"Florence"
declassato
ma vittime
e danni

Città del Messico:
sparatoria
in pieno centro,
morti e feriti