Tesi a confronto sulla prevenzione del crimine
Immagini articolo
Ci sono più agenti
ma i crimini calano
ANDREA STERN


L’anno scorso il numero di poliziotti in Ticino è aumentato di 123 unità. A fine dicembre 2017 gli agenti in forza alla cantonale e alle comunali erano in totale 1.067, rispetto ai 944 di dodici mesi prima. E già negli anni precedenti gli effettivi erano costantemente cresciuti.
Nel cantone gli agenti non sono mai stati così tanti, uno ogni 322 abitanti. E in Svizzera, dove la media nazionale è di un agente ogni 453 abitanti, comprendendo pure gli uomini della polizia federale, solo il semicantone di Basilea Città vanta una densità maggiore di poliziotti.
Sembra quindi essere stato pienamente raggiunto uno degli obiettivi politici del direttore del Dipartimento delle istituzioni, Norman Gobbi, il quale ha sempre sostenuto la necessità di aumentare gli effettivi, un tempo insufficienti, "non per fare crescere la burocrazia, bensì per rafforzare la pre&discHyphen;senza delle forze dell’ordine sul territorio", sottolineava. Ma ora non si potrebbe pensare che gli agenti siano addirittura troppi, considerando anche le statistiche che indicano reati in calo?  "Nient’affatto - sostiene Max Hofmann, segretario generale della Federazione svizzera dei funzionari di polizia -. Sicuramente il Ticino è stato virtuoso e quindi non posso che fare i miei complimenti a chi ha saputo prendere in mano la situazione. Ma a livello svizzero abbiamo complessivamente solo 18mila agenti, quando ne servirebbero almeno 24mila".
Hofmann cita uno studio  dell’Organizzazione delle nazioni unite (Onu), secondo cui per garantire la sicurezza in modo efficace sono necessari almeno 300 agenti ogni 100mila abitanti. "E in più va considerata l’evoluzione demografica, la popolazione continuerà ad aumentare - aggiunge - . Bisogna anticipare i tempi. Invece mi sembra che in Svizzera si agisca spesso a posteriori. Sul piano internazionale siamo ancora indietro".
L’aumento di agenti in Ticino, che l’anno scorso è stato nettamente il più marcato a livello nazionale, può anche essere spiegato con la posizione geografica del cantone, aggiunge dal canto suo Martin Killias, professore di procedura e criminologia penale dell’Università di Zurigo. "L’andamento degli effettivi segue una logica che non è unicamente legata al livello della criminalità - osserva -, ma anche alla zona in cui si trova il territorio in questione".
Le polizie cantonali di Zurigo, Ginevra e Basilea Città, ad esempio, "impiegano parecchi agenti per la sicurezza negli aeroporti internazionali, un compito di cui beneficiano anche i cittadini del resto della Svizzera - afferma il professor Killias -. Il Ticino ha invece la particolarità di trovarsi al confine sud, quindi in un territorio potenzialmente caldo per la criminalità transfrontaliera".
Ma l’aumento del numero di agenti ha un effetto diretto sulla sicurezza? L’Italia ha una densità di poliziotti ben maggiore a quella svizzera, eppure non sembra che la criminalità sia stata debellata. "È difficile dire se vi sia una correlazione" risponde Karl Ludwig Kunz, professore di diritto penale, criminologia e fondamenti di diritto all’Università di Berna.
"L’incremento degli effettivi e la visibilità rafforzata della polizia hanno sicuramente un effetto positivo sul sentimento di sicurezza della gente e questo è un aspetto importante - afferma il professor Kunz -. Ma è invece molto più incerto l’effetto sulla criminalità, che sa molto bene nascondersi".

a.s.
25.02.2018


IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

"Troppi negozi chiusi,
ogni mese 5 in meno"
L'INCHIESTA

La "bolla integralista"
cresce nelle carceri
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Sparate leghiste
da ignorare sempre
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una politica assente
per il business migranti
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
L'amore d'antan
nel "Regality show"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, maggio 2018
08.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, primo trimestre 2018
06.06.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 18 giugno 2018.
06.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2018
01.06.2018
In occasione della "Settimana europea per lo sviluppo sostenibile", in programma dal 30 maggio al 5 giugno 2018, il Dipartimento del territorio (DT) ha aggiornato le pagine del proprio sito tematico, mettendo in evidenza attività e progetti promossi in collaborazione con i numerosi partner [www.ti.ch/sviluppo-sostenibile]
30.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile e primo trimestre 2018
29.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile e primo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Macron
ipoteca
il mini vertice
europeo

Bosnia-Erzegovina:
la rotta dei migranti
al confine
con la Croazia