Modenini, direttore Aiti, sulla disoccupazione over 55
Dico no all'assistenza,
sì alla riqualificazione
STEFANO MODENINI, DIRETTORE INDUSTRIALI


Altro che proposta shock per evitare che gli over 55, una volta esaurito il diritto alle indennità di disoccupazione, finiscano ad ingrossare le fila dell’assistenza. Quella della Conferenza svizzera delle istituzioni dell’azione sociale (Cosas) equivale ad una capitolazione generalizzata. Per tutti. Garantire la copertura dei sussidi contro la disoccupazione fino al pensionamento, non serve né all’economia e soprattutto non serve ai 55enni.
Innanzitutto sarebbe un costo enorme riversato sulle spalle dell’assicurazione contro la disoccupazione. La revisione della Ladi, approvata dal popolo nel 2010, è andata in tutt’altra direzione. Secondo, si ridurrebbero gli incentivi per chi resta senza lavoro a trovarsi una nuova occupazione, a riorientarsi.
Credo piuttosto che si dovrebbero elaborare nuovi strumenti, nuove azioni per reintegrare in modo più efficace gli over 55. Le politiche che le associazioni economiche stanno mettendo in campo sono proprio volte a sollecitare questo tipo di risorse, ovvero riqualificare personale locale per ridurre laddove possibile il ricorso a manodopera estera e le complicazioni che questo porta con sé. Certo non è facile. Ciò implica uno sforzo da parte di tutti: dell’economia, della politica e degli stessi lavoratori. Però piuttosto che aumentare la rete di protezione sociale, sarebbe più opportuno implementare una serie di misure speciali per chi perde il lavoro dopo i 55 anni. Perché siamo consapevoli che è un’età molto critica. Si tratta di lavoratori che non hanno vissuto completamente l’avvento della digitalizzazione, che hanno competenze spesso relative ad un solo settore, che rispetto ai giovani arrivano da poche esperienze lavorative, e hanno bisogno di più attenzioni per stare al passo dei tempi. Ma sta alla responsabilità dell’economia e della politica trovare delle soluzioni per reintegrarli nel mondo del lavoro. Questo è lo sforzo da fare, non quello di garantire una rete sociale di protezione che gli permetterà in qualche modo di arrivare alla pensione. Altrimenti è come dire che è impossibile per gli over 55 rientrare nel mondo del lavoro, che possono provarci, ma anche no, visto che saranno protetti.  
Dunque, bisogna cambiare paradigma. Perché sarà inevitabile riprendere in mano la questione dell’età del pensionamento con una prospettiva verso i 67 se non verso i 70 anni d’età, cosa probabilmente necessaria a medio-lungo termine per garantire la sostenibilità delle assicurazioni sociali. Ed è evidente che non si può da una parte sostenere che bisogna lavorare fino a 70 anni e dall’altra dire che dopo i 55 anni non si è più reintegrabili. È un controsenso.
04.03.2018


IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

"Troppi negozi chiusi,
ogni mese 5 in meno"
L'INCHIESTA

La "bolla integralista"
cresce nelle carceri
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Sparate leghiste
da ignorare sempre
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una politica assente
per il business migranti
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
L'amore d'antan
nel "Regality show"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, maggio 2018
08.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, primo trimestre 2018
06.06.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 18 giugno 2018.
06.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2018
01.06.2018
In occasione della "Settimana europea per lo sviluppo sostenibile", in programma dal 30 maggio al 5 giugno 2018, il Dipartimento del territorio (DT) ha aggiornato le pagine del proprio sito tematico, mettendo in evidenza attività e progetti promossi in collaborazione con i numerosi partner [www.ti.ch/sviluppo-sostenibile]
30.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile e primo trimestre 2018
29.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile e primo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Macron
ipoteca
il mini vertice
europeo

Bosnia-Erzegovina:
la rotta dei migranti
al confine
con la Croazia