Luca Camponovo, Ocst, sulla disoccupazione over 55
Restare iscritti agli Urc
potrebbe ridare fiducia
LUCA CAMPONOVO, SINDACALISTA OCST


Da un punto di vista prettamente sindacale, garantire agli over 55 che perdono il lavoro il pagamento delle indennità di disoccupazione ben oltre i 520 giorni previsti oggi dalla Legge sull’Assicurazione contro la disoccupazione (Ladi) sarebbe bello. L’ideale, non solo per evitare il ricorso all’assistenza, una volta terminati i due anni di indennità, ma anche per spronare queste persone a continuare a cercare un nuovo lavoro. Soprattutto per aiutarle a non perdere la fiducia e rientrare nel circuito professionale, magari anche solo a metà tempo. Già oggi nei quattro anni precedenti l’entrata in Avs, la disoccupazione può coprire un arco più lungo, ovvero fino a due anni e mezzo. Ricordo anche che fino a 15 anni fa in Ticino erano previste delle misure speciali con la legge "L-Riloc", che garantivano ulteriori sei mesi di indennità straordinarie. Poi questa opportunità, per una questione di risparmi e tagli, è stata cancellata.  
Ma guardiamo in faccia alla realtà. Oggi, chi va in disoccupazione dopo i 55 anni fa estremamente fatica a trovare un nuovo impiego. E dopo due anni, senza consistenti risparmi, ci si ritrova inevitabilmente in assistenza. In Ticino, però, i disoccupati di lunga durata, anche dopo aver superato i 24 mesi e dopo essere finiti in assistenza, se non invalidi e se non hanno malattie particolarmente invalidanti, sono obbligati a rimanere iscritti presso gli Uffici regionali di collocamento (Urc). È una condizione obbligatoria, pena la mancata concessione delle prestazioni assistenziali.
Nel nostro caso, dunque, l’auspicio della Conferenza svizzera delle istituzioni dell’azione sociale, per quel che riguarda l’obbligo di annunciarsi agli Urc, anche dopo i 24 mesi e continuare ad adoperarsi per reinserirsi nel mercato del lavoro, è già una realtà.
È vero però che gli over 55 che ricevono le indennità di disoccupazione hanno grandi difficoltà a reinserirsi. A maggior ragione queste difficoltà raddoppiano per le persone finite in assistenza. Faticano il doppio. Si deprimono. Sono meno propositive. Sentono sulla loro pelle una diminuzione del loro status. In altre parole il passaggio da disoccupato ad assistito, segna una drammatica svolta nella vita delle persone. Non solo economica - perché vede tendenzialmente diminuire il proprio reddito - ma anche esistenziale. Solo una minima parte riesce a ricollocarsi. In gran parte con occupazioni parziali, di durata determinata o impieghi ausiliari. Da questo punto di vista continuare a versare le indennità di disoccupazione, anche oltre, potrebbe essere più motivante. Purtroppo la revisione della Ladi dell’aprile 2011 è stata approntata verso una importante riduzione delle prestazioni".
04.03.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Gli ospedali diventano
cliniche specializzate
L'INCHIESTA

Il successo di Airbnb
infastidisce gli hotel
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Niente video porno
tra i caffè americani
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I giganti del mercato
condizionano gli Stati
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La silente resistenza
del Califfato islamico
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
09.12.2018
Nuovo orario 2019 per i mezzi di trasporto pubblico in Ticino [www.ti.ch/trasporti]
07.12.2018
Concorsi scolastici 2019/2020 - è aperto il concorso per la nomina e l'incarico di docenti e operatori
06.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2018
05.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2018
05.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2018
05.12.2018
Aggiornati i dati su consumo e produzione di energia in Ticino consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2018
29.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2018
28.11.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 10 dicembre 2018.
26.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

La Cina
rilancia
la "Corsa
alla Luna"

Strage
di Corinaldo:
la discoteca
era sovraffollata