Un futuro pubblico per l'"istituto del cuore" di Lugano
Immagini articolo
"Il Cardiocentro?
Finirà sotto l'Ente"
PATRIZIA GUENZI


Vien da pensare al Cuore matto di Little Tony. Un vecchio tormentone in cui il cantante si struggeva per un amore "andato via". Un tormento, anche questo di cuore e vieppiù doloroso, ha colpito da ormai un anno il Cardiocentro di Lugano. All’istituto, gestito da una fondazione privata, non piace l’idea di finire dentro l’Ente ospedaliero nel 2020, come prevede la convenzione del 1995. "Un passaggio obbligato, il Cardiocentro verrà acquisito dall’Ente", dice il direttore genererale dell’Eoc, Giorgio Pellanda. E spiega: "Avrà un’autonomia operativa e gestionale importante, come l’Istituto oncologico di Bellizona e il Neurocentro di Lugano. Gestirà la distribuzione delle specialità mediche attraverso le attività ambulatoriali e di prossimità negli ospedali regionali. Ma sarà inquadrato nell’Eoc".
Inquadrato nell’Ente? Neanche a parlarne. Il Cardiocentro non ci sta, tra le varie richieste anche l’autonomia finanziaria. E ha già mosso mari e monti, ha chiesto, e ottenuto, il sostegno della Città di Lugano perché "va salvaguardato l’affermato modello Cardiocentro che ne ha garantito il successo", hanno detto i vertici. Da qui la proposta di un Consiglio di istituto (quattro membri del Cardiocentro e uno ciascuno per Eoc, Cantone e Città "a fare da garante affinché non venga stravolto l’assetto odierno". "Ma nessuno vuole stravolgere niente - replica Pellanda -. Un minimo di fiducia ci vuole. Il tempo stringe e una decisione va presa. Entrambi abbiamo interesse ad avere una cardiologia di prima qualità, ma un Cardiocentro solo e isolato sarà sempre più fragile". E uno che di cuori se ne intende, Giorgio Noseda, cardiologo ed ex primario all’ospedale di Mendrisio e di Lugano rincara: "I patti vanno rispettati. C’è un contratto e il Consiglio di Stato ha già dato il suo parere". Che Paolo Beltraminelli, direttore del dipartimento sanità e socialità, sintetizza così: "Il passaggio del Cardiocentro è previsto alla fine del 2020 e dovrà essere garantita la qualità delle cure". Ed è proprio la qualità delle cure, una delle preoccupazioni sollevate in questi mesi dal Cardiocentro. "L’Ente non è l’ultimo arrivato - osserva il direttor Pellanda -. Anche noi siamo interessati a mantenere la qualità delle cure, come per qualsiasi altro nostro istituto".
Una qualità a tutto vantaggio dei pazienti, sottolinea Brenno Balestra, primario di medicina interna al Beata Vergine di Mendrisio: "Dal mio osservatorio posso dire che la collaborazione tra i medici dell’Ente e del Cardiocentro è ottima, non vedo alcun ostacolo, ma solo vantaggi ad operare sotto un unico tetto, nell’interesse del paziente ma anche del cantone". E aggiunge: "Un accordo su come sviluppare ulteriormente futuri progetti comuni, a livello medico, è già stato raggiunto. Il resto, purtroppo, è solo politichetta e interessi personali".
Ma la polemica monta. E ne risente anche il personale, preoccupato per il proprio futuro. "Abbiamo già dato tutte le garanzie necessarie ai dipendenti", taglia corto Paolo Sanvido, presidente del Consiglio di amministrazione dell’Ente. È invece verosimile che qualche "doppione", qualche ruolo all’interno del Cardiocentro già contemplato nell’Ente, potrebbe essere eliminato. Sono anche questi i timori, stando a voci di corridoio. "Per la sanità pubblica è un tassello importante avere un istituto come il Cardiocentro - sottolinea Gina La Mantia, ps e membro della Commissione sanitaria in Gran Consiglio -. Avrà una propria autonomia come l’Istituto oncologico". E il dottor Franco Cavalli, che di quest’ultimo è stato tra i fondatori e sino all’anno scorso direttore scientifico, spiega: "Siamo considerati come un ospedale, con una nostra contabilità, una direzione e un’organizzazione indipendente. Il che ci permette di preservare la nostra autonomia. Semmai, proprio come per noi, la ricerca di laboratorio del Cardiocentro potrebbe essere gestita all’esterno, ad esempio dalla Fondazione. Ma l’attività coi pazienti deve restare all’Eoc. Inoltre, pensando alla Facoltà di medicina di Lugano saremmo il solo cantone universitario in Svizzera senza la cardiologia. Un’anomalia assoluta".

p.g.
25.03.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur