Non ce l'ha fatta il bimbo inglese gravemente malato
Immagini articolo
Il piccolo Alfie è morto,
lo strazio dei genitori
PATRIZIA GUENZI


È morto ieri, sabato, alle 2.30 del mattino. Il piccolo Alfie, il bimbo che ha smosso i cuori e le coscienze di mezzo mondo è spirato all’Alder Hey Children’s Hospital di Liverpool, dove era ricoverato da quasi un anno e mezzo perché affetto da una grave malattia neurologica degenerativa. "Il mio gladiatore ha posato lo scudo e si è guadagnato le ali", il saluto del padre, Tom. Anche Papa Francesco si è detto "profondamente toccato".
Il bambino, 23 mesi, lo scorso dicembre era finito al centro di una disputa fra i genitori e la giustizia inglese. Per quest’ultima non c’erano ulteriori vie di cura da tentare. Tre giorni fa i giudici della Corte d’Appello di Londra avevano respinto il ricorso avanzato dalla coppia per portare il bimbo in Italia, reputando inutile il trasferimento al Bambin Gesù di Roma o al Gaslini di Genova, viste le sue condizioni.
Il 23 aprile scorso i medici hanno ottenuto l’autorizzazione della giustizia britannica a staccare la spina "nel miglior interesse del bambino". La sua condizione non era curabile e non era possibile immaginare per lui alcun futuro, se non attaccato a una macchina in stato semi-vegetativo. Alfie, anche senza l’ausilio del ventilatore meccanico, ha continuato a respirare per quattro giorni. Un piccolo gladiatore davvero. Il che aveva dato nuovamente la spinta ai genitori di chiedere di continuare a lottare. Inutilmente, come inutili le richieste di consentire al bimbo di trascorrere a casa le ultime ore di vita.
In questa vicenda (forse) un aspetto positivo c’è: l’aver risvegliato tante coscienze, l’aver posto la domanda: chi è che ha il diritto della vita e della morte sulle persone. "Nessuno - dice al Caffè Denis Müller, professore onorario all’Università di Losanna di etica e teologia -. Né i genitori, né la Chiesa, lo Stato, i medici... Ma non è una questione squisitamente privata, soltanto dei genitori in questo caso, riguarda tutta la società. Spesso le questioni individuali hanno un impatto sociale e politico". Ed emotivo. Nessuno è rimasto indifferente alla vicenda e tutti, in qualche modo, si sono sentiti vicini al dolore dei genitori. Un eurodeputato indipendente Steven Woolfe ha lanciato la proposta di una "Alfie Law", che dia più voce in capitolo ai genitori sul fine vita dei figli. Nella legislazione inglese, la patria potestà non è assoluta: la magistratura ha il compito di difendere gli interessi dei minori, pure contro la volontà dei genitori, e anche se ciò significa imporre il diritto a una fine dignitosa.
Ora, al di là di qualunque polemica sul fine vita è la vita stessa che resta un mistero infinito. Su questo concordano scienziati e teologi, medici e giuristi. Impotenti davanti all’enigma della vita e della morte. Anche se in quel sottile filo che lega l’una all’altra c’è una figura che s’impone più di altre. Quella del medico curante, di chi fa la diagnosi. "In casi drammatici come questo, dove si è confrontati con una malattia neurologica che non ha terapie e in ogni caso non può guarire con i mezzi che oggi la medicina ha, per noi è importante stabilire un’alleanza terapeutica alfine di rispettare tutti gli attori coinvolti - spiega il dottor Roberto Malacrida, vicepresidente della Commissione di etica clinica dell’Ente ospedaliero cantonale -. E il rapporto di fiducia con i genitori parte da subito, quando si chiarisce la situazione diagnostica, si spiega la prognosi e le reali possibilità di guarigione".  
E così, mentre il piccolo Alfie ha finito di soffrire e far soffrire chi gli ha voluto bene, emerge chiaro come sia complicato e doloroso trovare l’equilibrio tra i diritti del singolo e quelli della società. Dove è il limite? Forse non c’è, o comunque non è individuabile. Come quei tanti puntini colorati scomparsi nel cielo, i palloncini blu e viola che i sostenitori dell’Alfie’s Army hanno lanciato per salutare definitivamente il "piccolo gladiatore".

pguenzi@caffe.ch
29.04.2018


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
22.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, luglio 2019
22.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, luglio 2019
22.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio 2019
20.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, luglio 2019
05.08.2019
Comunicazione Ustat: Pericoli naturali Ticino
30.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2019
29.07.2019
Avviso di prudenza del 29.07.2019 nell'accensione di fuochi commemorativi e d'artificio per i festeggiamenti del 1° agosto 2019 [www.ti.ch/incendi-boschivi]
15.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2019
14.07.2019
Traversa di Cavanna/Bedretto - coordinate 682/152 - Predazione 3 pecore
12.07.2019
Consultabili online le temperature dei fiumi misurate in continuo presso le stazioni idrologiche cantonali e federali [www.ti.ch/oasi]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
A Hong Kong la rivolta
che cambierà la Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La fuga dei miliardari
imbarazza gli Emirati
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il tiranno Salvini
al ballo del Papeete
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"


La copertina
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Le pubblicazioni
di Rezzonico
Editore

Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Indonesia:
Giacarta,
la città
che affonda

Open Arms,
Salvini autorizza
lo sbarco
dei minori

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00