L'analisi
Ci sarà più pulizia...
ma resta il sottobosco
PAOLO BERNASCONI


Specialità tutta svizzera: gli investimenti, la gestione del patrimonio e la consulenza non vengono svolti soltanto da parte delle banche, bensì anche da parte di professionisti che lavorano fuori dalle banche. Finora si chiamavano gestori patrimoniali esterni, mentre la nuova legge li mette tutti sullo stesso piano: i fornitori di servizi finanziari, i trustee ed anche i consulenti alla clientela.
Finalmente sono previsti requisiti di formazione professionale e di aggiornamento permanente, obblighi di trasparenza assoluta verso la clientela anche riguardo ai pagamenti, commissioni e retrocessioni, obbligo di evitare conflitti di interessi e di garantire il miglior risultato finanziario possibile nonché obblighi di rendiconto.
Grande novità: obbligo di informarsi sulle conoscenze e sull’esperienza del cliente (verifica della appropriatezza dell’investimento) nonché obbligo di informarsi riguardo alla situazione finanziaria e agli obiettivi di investimento del cliente (verifica dell’adeguatezza dell’investimento). In sostanza, il Parlamento adegua il diritto svizzero alle regole già in vigore da anni nell’Unione Europea.
Tante novità, tanti oneri nuovi, anche se piuttosto formali, per cui l’entrata in vigore è differita al 1. gennaio 2020. Si aspetta l’Ordinanza del Consiglio federale e la disciplina della Finma riguardo alle competenze degli organismi di sorveglianza di carattere privato. Si tratta di nuove organizzazioni professionali private che saranno distinte dagli organismi di autodisciplina antiriciclaggio già operativi dal 1998. Tutto bene, 25 anni di lavori preparatori?
Purtroppo, si manca il bersaglio: viene regolata una categoria professionale dove gli abusi sono rarissimi, mentre invece rimane totalmente scoperta una categoria professionale dove gli abusi sono molto più frequenti, come riferiscono ogni settimana anche le cronache ticinesi. In questo settore permane la prevenzione zero. Infatti, ogni abuso continua per anni senza che nessuna autorità se ne accorga. Ne fanno le spese, ogni anno, centinaia di vittime, sia svizzere che straniere.
La recente regolarizzazione fiscale della clientela non ha avuto gli effetti sperati. Infatti, sono ancora parecchi gli operatori sedicenti fiduciari e sedicenti finanziari, che canalizzano dal Ticino schiere di investitori verso dubbiose società a Londra (Londongrad), nelle Repubbliche Baltiche, nell’Europa Centrale e nei Balcani. Anche le cronache italiane continuano a riferire (come prima?, più di prima?) settimanalmente di retate in cui rimangono coinvolti anche operatori attivi in Ticino. Dichiarano che "tutti facevano così". Insultano tutta la loro categoria professionale. In realtà, sono soltanto poche pecore nere che hanno aiutato e continuano ad aiutare clienti stranieri e svizzeri a compiere reati fiscali che all’estero sono qualificati come appropriazione indebita, bancarotta e riciclaggio. Il lupo cambia la legge, ma non il vizio.
03.06.2018


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La privacy è morta
evviva la privacy
L'INCHIESTA

Gli affiti il business
delle Ferrovie federali
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

E il dentista incassa
i soldi dei contribuenti
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il gioco a scacchi
tra Trump e Kim
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il dopo Chavez
che avvelena Caracas
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
06.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 18 febbraio prossimo
01.02.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 1° febbraio 2019 alle ore 9:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
30.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2018
29.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole medie superiori per il periodo 2019-2023
28.01.2019
I giovani e le aziende interessate a partecipare al programma di scambio Swiss Mobility sono invitati a porre candidatura entro il 15.3.2019
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
21.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ultimo
assalto
all'Isis
in Siria

Francia:
gilet gialli,
atto
numero 14