Con un tasso sotto il 3% poche occasioni per le imprese
Immagini articolo
Cala la disoccupazione
e viene meno l'offerta
MAURO SPIGNESI


Lo aveva detto neppure tre settimane fa: "L’affluenza dei frontalieri è quella che rende possibile alle aziende trovare personale qualificato". Alberto Siccardi, imprenditore fra i più attivi in Ticino, aveva commentato così sul Caffè il calo progressivo della disoccupazione, scesa sotto la quota fisiologica del 3 per cento. Un dato che se da una parte è sinonimo di salute, dall’altra tuttavia è il segnale di un possibile cortocircuito economico, come hanno spiegato più volte gli economisti e come ha ribadito uno studio di Credit Suisse di qualche giorno fa. Perché con pochi disoccupati la manodopera scarseggia e diventa difficile attingere dal mercato locale, sempre meno assortito, visto che buona parte dei senza lavoro hanno una bassa formazione. Ed ecco perché le imprese guardano oltrefrontiera. Come ha spiegato anche un altro imprenditore ticinese, Emanuele Centonze, ammettendo di non riuscire a trovare professionisti nei settori della qualità e della sicurezza. Ma ora, con l’iniziativa di Como e Varese, anche questa enorme risorsa di professionisti, un bacino di migliaia di persone con una formazione pagata dall’Italia e che la Svizzera in questi anni ha portato via praticamente a costo zero, rischia seriamente di scomparire.
Un po’ l’effetto della ripresa generalizzata. Un po’ il nuovo rapporto di cambio fra euro e franco. Un po’ un’altra serie di coincidenze geopolitiche che spingono l’industria delle esportazioni. Fatto sta che  gli ottimi ritmi di crescita, potrebbero fare i conti con la mancanza di manodopera, tenendo conto appunto della disoccupazione bassa (circa cinquemila senza lavoro) e delle porte socchiuse del mercato dei professionisti stranieri. E sarebbe, appunto, un problema.
In Ticino attualmente ci sono oltre 235mila occupati, a fronte di 4.208 disoccupati ufficiali e 8.075 persone (3.867 hanno un lavoro) in cerca di un impiego. Sono, invece, 789 i disoccupati di lunga durata (oltre un anno) registrati presso gli Uffici regionali di collocamento, alcuni non immediatamente reinseribili in una azienda. Tra gli occupati i frontalieri sono il 27 per cento della forza lavoro, circa 65mila, concentrati in prevalenza nei settori terziario (oltre 40mila, in particolare nel commercio, nella sanità e nella ristorazione) e secondario (oltre 23mila, soprattutto nel manifatturiero).
I settori più toccati dalla disoccupazione sono quelli delle professioni commerciali e amministrative, con 688 disoccupati e personale di hotel e ristoranti, con 612 persone in cerca di un posto. Seguono commercio ed edilizia, settore quest’ultimo dove a fronte di 195 tagli di diverse imprese si sono tuttavia aperte nuove prospettive per 119 operai.
Altro dato interessante. A fine maggio i posti vacanti annunciati presso gli Uffici regionali di collocamento erano 567, ma non si tratta di un dato esaustivo, lo spiega lo stesso Cantone che parla di "una parte minima dell’offerta globale realmente esistente sul mercato". Si tratta di profili professionali spesso difficili da reperire sul mercato, soprattutto per quanto riguarda nuovi settori, come l’informatica, l’ecommerce che sta registrando un successo diffuso, o la moda che sta continuando ad attrarre piccole e medie imprese.

m.sp.
01.07.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur