Ancora tensioni sulle strategie politiche per la Brexit
Immagini articolo
May salva il governo
ma resta lo scoglio Ue


I primi segnali arrivati da Bruxelles non sono affatto incoraggianti. L’uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea attraverso un piano "light", che dovrà concretizzarsi necessariamente entro il termine ultimo del 29 marzo 2019, sembra in salita. Il faticoso compromesso, raggiunto dopo una lunga riunione venerdì notte in casa di Theresa May, ha salvato il governo e il premier, ha allontanato la crisi - come hanno notato alcuni notisti politici sui giornali inglesi - ma ora deve passare al severo esame dell’Europa.
E già il capo negoziatore europeo, Michel Barnier, ha ribadito che non verrà accettata una proposta che metta in pericolo il mercato unico europeo. Un modo per dire che non verranno prese in considerazione soluzioni pasticciate, non in linea con le attuali normative. Dunque, nessuna eccezione. Neppure per Londra. Quello di Barnier secondo diversi giornali inglesi sembra quasi un ultimatum. "Nei negoziati restano aperte ancora troppe domande e ci sono poche risposte", ha spiegato Barnier. Dunque la "mission impossible" di Theresa May continua.
Dopo i colloqui a Chequers, la residenza di campagna della May, il gabinetto dei ministri ha concordato "posizione collettiva per il futuro dei nostri negoziati" sulla Brexit. Secondo la Bbc si tratta appunto di un piano soft, come era nelle intenzioni del primo ministro. In pratica la proposta punta a creare un’area di libero scambio fra Regno Unito e l’Unione europea. Un’area governata da un regolamento comune per i beni industriali e i prodotti agricoli. Un accordo "alla canadese", come è stato definito. May ha detto che il piano "andrà bene per il Regno Unito e fa bene all’Unione europea".
Ma fra i "tories" non tutti sono soddisfatti, anche se il partito sta con May. Jacob Rees-Mogg ha detto alla Bbc che quanto è emerso al summit di Chequers, potrebbe essere ancora peggio che lasciare l’Ue senza un accordo. Il leader laburista Jeremy Corbyn ha subito sostenuto di non essere convinto dell’accordo raggiunto tra i ministri.
A oltre due anni dal referendum, il governo inglese e i principali partiti sono ancora divisi fra sostenitori di una uscita "soft" e i fautori di una rottura "hard". E così il mondo dell’economia. Giorni fa in una intervista al Financial Times, Ralf Speth, numero uno di Jaguar Land Rover, ha affermato che una eventuale Brexit versione "hard" costringerebbe il più grande produttore di auto del Regno Unito a lasciare il Paese.
08.07.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur