Ennesimo recupero di migranti al largo della Sicilia
Immagini articolo
Aut aut dell'Italia all'Ue
sul soccorso ai profughi


Aut aut dell’Italia contro l’Europa sulla pelle di 450 profughi, soccorsi ieri, sabato, a largo di Linosa, isola siciliana a nord-est di Lampedusa. "O vengono distribuiti fra i Paesi dell’Unione europea o non sbarcano".
Identità di vedute fra il ministro dell’interno Matteo Salvini e il capo del governo italiano, Giuseppe Conte. Accordo maturato dopo una lunga telefonata fra i due. "Occorre un atto di giustizia, rispetto e coraggio per contrastare i trafficanti e stimolare un intervento europeo", avrebbe detto Salvini a Conte. Ribadendo la sua linea: "Nessun porto italiano per i migranti". E insistendo sull’opportunità che alle due navi venga data indicazione di fare rotta verso Malta o la Libia. Il pressing italiano sulla Valletta, non ha dato gli esiti sperati. Il ritorno in Libia sarebbe ritenuto un respingimento ed è vietato dalle convenzioni internazionali e dai trattati ai cui  l’Italia aderisce.
I 450 migranti erano a bordo di un barcone al largo di Linosa, quando fra venerdì notte e ieri mattina, sabato, sono state tratte in salvo: 176 persone sono stati trasbordate sul pattugliatore inglese "Protector" , che fa parte della guardia costiera europea Frontex, altre 266 sul "Monte Sperone" della Guardia di Finanza. Otto, tutte donne e bambini, sono ora a Lampedusa trasportati a bordo di motovedette della Guardia costiera per motivi sanitari.  Questi 8 profughi sono apparsi al personale medico estremamente debilitati a tal punto da ricordare  i campi di deportazione nazisti: "Ci hanno portato alla mente gli effetti dei campi di concentramento tedeschi della seconda guerra mondiale – ha detto un’infermiera - tanto sono importanti gli stati di denutrizione e di disidratazione".
Le due navi su cui sono stati trasferiti i migranti sembrano fare rotta su Porto Empedocle, ma non è detto sia questa la destinazione finale. Si prospetta un altro braccio di ferro, come quello per i 67 profughi sbarcati in settimana a Trapani dopo l’intervento del presidente della Repubblica Sergio Mattarella contro la volontà di Salvini.
Il premier Conte, secondo fonti governative, starebbe lavorando "per un accordo con gli altri paesi Ue per una redistribuzione immediata dei 450. Se non ci saranno risposte dai partner, in queste condizioni non sarà consentito loro di sbarcare".  Stessa posizione del suo ministro: "Non possiamo cedere - avrebbe ribadito Salvini -; la nostra fermezza salverà tante vite e garantirà sicurezza a tutti".
Il ministro degli interni ha segnalato a Conte che da quando il governo si è insediato, ci sono stati 27mila sbarchi in meno rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.
15.07.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

"Mi sento vittima
di un complotto"
L'INCHIESTA

'No a piatti di plastica
alle feste e alle mense'
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I soldi dei contribuenti
per pagare il karaoke
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Trump con i tassi bassi
sogna d'essere Reagan
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Come i killer dell'Isis
ma non sono terroristi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
07.11.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 novembre prossimo
26.10.2018
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2017 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
26.10.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da sabato 27 ottobre 2018 alle ore 8:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
24.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 5 novembre 2018.
23.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all’aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre e in Val Poschiavo dal 16 ottobre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Bregaglia
22.10.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2018
16.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Poschiavo
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch


Degenera
manifestazione
a Barcellona

Trump
denunciato
dopo la stretta
sull'asilo