Film controcorrente per resistere alla deumanizzazione
Immagini articolo
Un cinema che racconta
i tanti volti dell'uomo
LIBERO D'AGOSTINO


Se il cinema è una "macchina per produrre empatia", come dice il famoso produttore americano Ted Hope, i suoi effetti sono moltiplicati dal grande schermo. Li amplifica soprattutto uno schermo di ventisei metri per quattordici come quello di Piazza Grande a Locarno. "Quell’empatia che ci permette - precisava Hope - d’immedesimarci nei panni di qualcun altro, che magari non ci assomiglia per niente, ma di cui riusciamo a capire quello che sente". Non ci sono parole migliori per ricordare gli undici giorni di un Festival che quest’anno, in tempi di sinistra deumanizzazione, ha voluto anche ricordare i 70 anni della Dichiarazione dei diritti dell’uomo, portando a Locarno Kate Gilmore, Alta Commissaria dell’Onu per i diritti umani.
"Un’edizione all’insegna dell’Umanesimo", aveva promesso il direttore artistico Carlo Chatrian e così è stato. Raccontando con le immagini, e senza fumisterie ideologiche, i mille volti dell’uomo, selezionando per la Piazza film sì popolari e leggeri, intrisi però di pensieri che fanno pensare. È quell’Umanesimo di cui oggi in Francia parla Benôit Hamon, ex ministro socialista del governo Hollande, come l’ultima possibilità di sopravvivenza per la socialdemocrazia europea, e che Jack Lang, ministro per la cultura ai tempi di Mitterand, è venuto a toccare con mano a Locarno.
È stato bello vedere nella serata del prefestival tanti bambini e adolescenti per un musical cult come Grease. Quei bambini che il cinema può far crescere, aiutandoli, come si augura il regista Bruno Dumont, a scegliere se diventare "dei barbari o dei santi". Ma la scala empatica del cinema ha prodotto in Piazza tante altre sequenze piacevoli: il deputato socialista Ivo Durisch che cazzeggia con l’onorevole leghista Boris Bignasca sulla terrazza del Caffè Verbano; i gran consiglieri Gabriele Pinoia, Udc, e il popolare democratico Maurizio Agustoni che conversano amabilmente davanti ad un bicchiere di bianco; i ministri Paolo Beltraminelli e l’algido Claudio Zali, che si fanno il selfie con Meg Ryan. E nel pieno della tempesta che sta scuotendo la Rai, è capitato anche di vedere il giornalista Marcello Foa che trova un po’ di quiete godendosi The Equalizer 2. Sognando, magari, un Robert Mc Calle nello staff del vice premier italiano Matteo Salvini per spazzare via chi ostacola "il grande cambiamento" nella radiotelevisione, sproloquiando di procedure e garanzie istituzionali.
Alla fine di questa 71esima edizione c’è solo un appunto da rinnovare ancora alla direzione operativa del Festival. Il red carpet è molto meglio riservarlo esclusivamente alla gente di spettacolo e non a chi offre solo un cattivo spettacolo fregiandosi dell’ingresso vip. Certamente, gli sponsor e i loro ospiti, i gruppi e le associazioni che comprano pacchi di biglietti sono importanti, ma si studi per loro un’entrata in Piazza altrettanto onorevole. Lasciando il tappetto rosso ai veri protagonisti della rassegna.

ldagostino@caffe.ch
12.08.2018


LO STUDIO

Il settimanale "il Caffè",
giornale di qualità
IL DOSSIER


Il Cardiocentro
I servizi del Caffè
e i documenti ufficiali
IL GIALLO


L'infermiere
accusato di uccidere
i pazienti anziani
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Quel Modi indiano
piace a Usa e Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La fuga dei miliardari
imbarazza gli Emirati
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Le serie streaming
escluse da Cannes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
GRANDANGOLO

Storia dell’infermiere
affascinato dalla morte
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
L'INCHIESTA

Il caldo e le gelate
devastano i  campi
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

La scivolata di Fognini
tennista quaquaraquà
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2019
12.07.2019
Consultabili online le temperature dei fiumi misurate in continuo presso le stazioni idrologiche cantonali e federali [www.ti.ch/oasi]
28.06.2019
Servizio militare: giornate informative 2019
27.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2018
26.06.2019
L'ufficio dei beni culturali segnala la pubblicazione di un nuovo sito tematico dedicato al Monetario cantonale [www.ti.ch/monetario]
25.06.2019
Aggiornato il catasto del potenziale solare degli edifici con i dati di tettosolare.ch consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
19.06.2019
Nuova veste grafica, contenuti e funzionalità per il sito della Divisione della formazione professionale
17.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2019
13.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, giugno 2019
12.06.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 24 giugno 2019.

I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Le incredibili
gare
dei bufali
in Thailandia

Silk Way
Rally 2019,
dalla Cina
con furore

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00