Le protagoniste femminili al Festival del film di Locarno
Immagini articolo
Nessuna donna
per cui fare il tifo
MARIAROSA MANCUSO


Cannes ha fatto il primo passo. Il Locarno Festival si mette in scia, firmando la carta per la parità di genere promossa dallo Swiss Women’s Audiovisual Network. Il direttore della Mostra di Venezia Alberto Barbera - al momento, il festival cinematografico più ricco e vivace d’Europa - si dissocia: "Il giorno che dovrò selezionare un film solo perché lo ha diretto una regista, cambierò mestiere". Impopolare, ma chiaro.
Alle quote rosa siamo contrari da quando ne abbiamo sentito parlare per la prima volta, non volendo fare la fine dei panda: carini, ma poco altro. Non è questa la via per farsi rispettare, in politica o sul lavoro. Prendiamo i film in programma quest’anno a Locarno, celebrati già in conferenza stampa perché esibiscono un nome di donna nel titolo: l’americano "Diane", il rumeno "Alice T.", il turco "Sibel", il libanese "Yara".
Alla prova dei fatti, non abbiamo trovato una donna per cui fare il tifo. Diane a 70 anni si dedica agli amici malati, al figlio drogato, nel tempo libero serve il pranzo ai barboni. Alice T. è un adolescente incinta, scontrosa e manipolatrice. Yara e Sibel vivono in luoghi remoti, il passaggio di un forestiero di bell’aspetto è l’unico accenno di trama. Vittime, chi più chi meno. Per statistica, i registi sono tutti maschi, possiamo sempre coltivare l’illusione che una donna avrebbe fatto meglio.
L’illusione non dura. In Piazza Grande c’era "Le vent tourne" di Bettina Oberli, che nel 2006 sbancò i botteghini svizzeri con "Fiori d’autunno": pantere grigie dell’Emmenthal che mettono su un negoziato di biancheria sexy. Prima della proiezione, un’intervista su Variety - molto più che una medaglia, per chiunque faccia questo mestiere - annuncia che la regista svizzera da "crowdpleaser" (chi gira film che piacciono al pubblico) ha deciso di passare ai film d’autore. Pessimo segno, ma procediamo.
"With the Wind" - questo il titolo internazionale - racconta un triangolo amoroso nel Giura, galeotta fu una pala eolica. Pauline alleva mucche con il compagno Alex, i vitelli nascono morti ma per loro non è un problema, credono fermamente nella decrescita felice, nella medicina alle erbe, e nell’autosufficienza energetica. Per piazzare la pala eolica, arriva uno straniero di bell’aspetto (una fissazione, proprio). Lui alla decrescita crede poco, e purtuttavia Pauline se ne innamora: vorrei e non vorrei, scendo in città o resto quassù, mollo lo sgabello da mungitura e indosso un vestito scollato.
Trama sotto il minimo legale - bisognerebbe introdurlo. Personaggi sottili come carta velina (vale anche per il consorte, ma il gattamortismo di Pauline irrita di più). Per trovare una donna da prendere a modello siamo dovuti tornare al 1937, nella retrospettiva dedicata al geniale Leo McCarey. In "L’orribile verità" finalmente troviamo una signora bella, elegante, forte, spiritosa, sexy, dispettosa, intelligente, capace di tener testa a Cary Grant. L’attrice è Irene Dunne, la trama appartiene al glorioso genere del "remarriage". I coniugi si dicono qualche bugia di troppo, sull’orlo del divorzio ognuno cerca di riconquistare l’altro, rovinando la vita ai nuovi fidanzati. La grande crisi del ’29 non era lontana, gli spettatori volevano svagarsi. Avevano ragione loro: questi film ora sono celebrati anche dai festivalieri duri e puri.

m.m.
12.08.2018


LO STUDIO

Il settimanale "il Caffè",
giornale di qualità
IL DOSSIER


Il Cardiocentro
I servizi del Caffè
e i documenti ufficiali
IL GIALLO


L'infermiere
accusato di uccidere
i pazienti anziani
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Quel Modi indiano
piace a Usa e Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La fuga dei miliardari
imbarazza gli Emirati
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Le serie streaming
escluse da Cannes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
GRANDANGOLO

Il mondo dell'infermiere
affascinato dalla morte
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
L'INCHIESTA

'Il caldo e le gelate
devastano i nostri campi'
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

La scivolata di Fognini
tennista quaquaraquà
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2019
12.07.2019
Consultabili online le temperature dei fiumi misurate in continuo presso le stazioni idrologiche cantonali e federali [www.ti.ch/oasi]
28.06.2019
Servizio militare: giornate informative 2019
27.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2018
26.06.2019
L'ufficio dei beni culturali segnala la pubblicazione di un nuovo sito tematico dedicato al Monetario cantonale [www.ti.ch/monetario]
25.06.2019
Aggiornato il catasto del potenziale solare degli edifici con i dati di tettosolare.ch consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
19.06.2019
Nuova veste grafica, contenuti e funzionalità per il sito della Divisione della formazione professionale
17.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2019
13.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, giugno 2019
12.06.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 24 giugno 2019.

I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Le gare
dei bufali
in Thailandia

Silk Way
Rally 2019,
dalla Cina
con furore

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00