Bilanci, personale e visitatori dei casinò in tutta Europa
Calo di utili e clienti,
si salva solo l'Inghilterra
MAURO SPIGNESI


Si salva solo il regno Unito. E, in parte, la Spagna, Ovunque in Europa i casinò arretrano. Meno fatturati, meno visitatori, meno dipendenti. Dalla Germania sino a Monaco è un susseguirsi di bilanci in chiaroscuro. Dovuti, secondo le analisi di European casinò association, in particolare alla crescita del gioco online e alle slot che hanno invaso i bar. Ma non solo. Anche a strategie probabilmente sbagliate e alla poca attenzione alle spese. E così nei 66 casinò tedeschi, circa la metà di proprietà statale, lo scorso anno sono stati registrati guadagni oltre i 660 milioni di euro, 19 milioni in più dell’anno precedente, ma meno, molto meno, rispetto a qualche anno fa. Il calo delle entrate delle sale da gioco tedesche dal 2008 a oggi è del 45%. Gli ingressi, invece, sono stati 5,5 milioni nel 2016, ovvero meno 2% rispetto a tre anni prima. In compenso in Germania non c’è stata una grossa emorragia di posti di lavoro come altrove, dal 2013 al 2016 sono stati tagliati 85 impieghi su un totale di circa 5.000.
In Francia, dove i casinò sono duecento e sono controllati da quattro grandi gruppi imprenditoriali del settore, e dal 2013 ne sono stati aperti tre nuovi, la cifra d’affari complessiva è di 2,26 miliardi di euro. In lieve calo rispetto all’anno prima ma con una crescita di giocatori e visite: un aumento che ha toccato quota 32 milioni. E tuttavia il settore del gioco ha perso 500 posti di lavoro dal 2013 al 2017. Gli impieghi sono 14.500. C’è da ricordare che la Francia ha introdotto nuove regole sul gioco d’azzardo e dal 2010 ha legalizzato il gioco online.
Diverso il discorso della Spagna, dove tutti gli esperti sono concordi nel dire che il settore del gioco sta conoscendo una seconda vita. Dopo la crisi del Paese messo in ginocchio anche dalla bolla immobiliare delle seconde case, il fatturato generale generato dai 53 casinò operativi, è salito a oltre 409 milioni. In tre anni l’aumento è stato attorno al 12 per cento. Anche i giocatori, in tutto 5 milioni, sono aumentati nell’ultimo anno del 5%. Ma nonostante questi numeri positivi il settore, che conta circa 5.000 dipendenti a tempo pieno, negli ultimi anni ha perso attorno alle mille buste paga. In Austria, invece, Casinos Austria, ha vinto le gare ottenendo la concessione per gestire gli 11 casinò sul territorio. Tre nuove licenze sono state poi concesse qualche anno fa ad altri gruppi.
L’Inghilterra, patria delle scommesse e dove si punta su tutto, dai cavalli alle roulette, segna un aumento di più 21% del suo business, con 1,4 miliardi di ricavi nei 148 casinò autorizzati. Il settore, gestito per la gran parte da due società malesi, impiega 15.566 persone, e negli ultimi anni ha creato nuovi posti di lavoro visto che i dipendenti nel 2013 erano 14.737.
Il Principato di Monaco, infine, dove il gioco d’azzardo è una tradizione storica e attira ricchi giocatori da tutto il mondo, con i suoi quattro casinò, tutti gestiti dalla stessa società, la Bains de mer, riporta un calo nel 2016 (ultimo dato ufficiale di European casinò association) di 13 miloni e una cifra d’affari di 207 milioni di euro.

m.sp.
12.08.2018


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur