Lo storico segretario dell'Onu è morto in una clinica di Berna
Immagini articolo
L'addio a Kofi Annan,
premio Nobel per la pace
R.C.


È morto ieri mattina, sabato, Kofi Annan, notissimo diplomatico ghanese che fra il 1997 e il 2006 è stato segretario generale dell’Onu. Aveva 80 anni e da qualche tempo era ricoverato in una clinica di Berna.
Ne ha dato notizia la famiglia con un lungo post su Twitter, attraverso la Fondazione che porta il suo nome. Nel 2001, Annan ottenne il Nobel per la Pace per il suo impegno "per un mondo meglio organizzato e con più pace". Si oppose con forza nel 2003 all’invasione dell’Iraq a guida Usa considerandola "illegale" perché non ratificata dal Consiglio di sicurezza dell’Onu. "Penso che quello è stato il mio momento più nero, per il fatto che non siamo riusciti a fermare l’invasione in Iraq", disse nel 2013 in un’intervista al Time. Nato in Ghana nel 1938, il settimo Segretario delle Nazioni Unite Kofi Annan  sostituì il segretario uscente, l’egiziano Boutros-Ghali, divenendo il primo Segretario generale africano nero.  Dopo aver lasciato le Nazioni Unite aveva continuato a lavorare per la causa della pace attraverso la presidenza della sua Fondazione Annan e come presidente di The Elders, fondata da Nelson Mandela. "Oggi piangiamo la perdita di un grande uomo, di un leader, di un visionario", ha commentato l’Organizzazione mondiale per le migrazioni alla notizia della sua morte. "Kofi Annan è stato una forza guida per il bene", ha scritto l’attuale segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres. "In molti modi, Kofi Annan era le Nazioni unite. È risalito nelle file dell’organizzazione fino al nuovo millennio con ineguagliabili dignità e determinazione", ha aggiunto Guterres. "Era un visionario e un amico della Svizzera", ha scritto invece su Twitter il presidente della Confederazione, Alain Berset.
La famiglia ne ha sottolineato l’impegno: "Ha combattuto per tutta la vita per un mondo che fosse più giusto e più pacifico. Durante la sua carriera e la leadership nelle Nazioni Unite è stato un ardente campione di pace, impegnato per lo sviluppo sostenibile, i diritti umani e il valore della legge". Durante il suo mandato è crollato il Muro di Berlino, al Qaeda ha colpito New York e Washington, gli Stati Uniti hanno invaso l’Iraq e i politici occidentali sono passati dalla Guerra fredda alla lotta contro l’estremismo islamico.
19.08.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

"Mi sento vittima
di un complotto"
L'INCHIESTA

'No a piatti di plastica
alle feste e alle mense'
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I soldi dei contribuenti
per pagare il karaoke
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Trump con i tassi bassi
sogna d'essere Reagan
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Come i killer dell'Isis
ma non sono terroristi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
07.11.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 novembre prossimo
26.10.2018
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2017 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
26.10.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da sabato 27 ottobre 2018 alle ore 8:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
24.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 5 novembre 2018.
23.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all’aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre e in Val Poschiavo dal 16 ottobre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Bregaglia
22.10.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2018
16.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Poschiavo
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch


Degenera
manifestazione
a Barcellona

Trump
denunciato
dopo la stretta
sull'asilo