Emilio Catenazzi lascia la commissione dell'Eoc
Immagini articolo
Dopo le polemiche
l'ex giudice si dimette
ANDREA BERTAGNI


L’ex giudice federale Emilio Catenazzi si è dimesso dalla Commissione speciale di ricorso dell’Ente ospedaliero cantonale (Eoc), di cui era presidente. Le dimissioni di Catenazzi sono state inviate all’Eoc per lettera venerdì 24 agosto. Riunitosi lunedì scorso, il Consiglio di amministrazione (Cda) dell’Ente ha preso atto della decisione. Sarà ora avviata una procedura per individuare un sostituto, che dovrà essere concordato con il personale.
Le dimissioni dell’ex giudice federale fanno seguito alle rivelazioni  dello scorso 19 agosto del Caffè, in cui si diceva dell’apporto di Catenazzi alla preparazione dell’iniziativa popolare che i vertici del Cardiocentro e l’associazione Amici del Cardiocentro hanno intenzione di lanciare.  Apporto che aveva sorpreso i vertici dell’Eoc, essendo l’ex giudice presidente "super partes" della Commissione incaricata di redimere le vertenze tra l’ospedale pubblico e il personale. "Può Catenazzi essere ancora considerato ‘neutrale’ per l’Eoc? Vista l’importanza del Tribunale arbitrale, occorre evitare ogni dubbio circa l’indipendenza, l’imparzialità o meglio la ‘terzietà’ dell’arbitro", aveva detto al Caffè il presidente dell Consiglio di amministrazione dell’Eoc, Paolo Sanvido, apprendendo con stupore la notizia che l’ex giudice "è anche il consulente di chi si oppone al passaggio del Cardio all’ente pubblico, cioè a tutti i ticinesi".
Il presidente della Commissione speciale di ricorso dell’Eoc per statuto deve essere "neutrale" e per questo, di regola, essere un magistrato. Vista la composizione di questa commissione speciale, in cui siedono anche un rappresentante dell’Eoc e uno delle organizzazioni sindacali, il presidente è praticamente l’ago della bilancia. Dato il suo ruolo super partes, il presidente della Commissione può quindi essere ricusato, se ci sono dubbi legittimi sulla sua indipendenza e imparzialità.
Il testo dell’iniziativa popolare è ancora in fase di "affinamento" e dovrebbe essere lanciata a breve. Secondo i vertici del Cardiocentro e gli Amici del Cardiocentro il testo "consentirà di formulare una proposta al Paese, ragionevole ed equilibrata, che mira ad assicurare, anche in futuro, la stessa qualità delle cure che il Cardiocentro ha garantito a tutta la popolazione ticinese negli ultimi 20 anni".
Di parere opposto i vertici dell’Ente ospedaliero, per i quali con l’iniziativa si vuole di fatto "semiprivatizzare un servizio pubblico. Ipotesi su cui il popolo ticinese si è già espresso, scegliendo chiaramente un servizio pubblico forte". Scettico anche il direttore del Dipartimento sanità e socialità, Paolo Beltraminelli, secondo cui con il testo in votazione si rischia di dividere il Ticino in fazioni facendo soltanto male alla sanità del cantone.

an.b.
02.09.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La privacy è morta
evviva la privacy
L'INCHIESTA

Gli affiti il business
delle Ferrovie federali
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

E il dentista incassa
i soldi dei contribuenti
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il gioco a scacchi
tra Trump e Kim
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il dopo Chavez
che avvelena Caracas
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
06.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 18 febbraio prossimo
01.02.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 1° febbraio 2019 alle ore 9:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
30.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2018
29.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole medie superiori per il periodo 2019-2023
28.01.2019
I giovani e le aziende interessate a partecipare al programma di scambio Swiss Mobility sono invitati a porre candidatura entro il 15.3.2019
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
21.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ultimo
assalto
all'Isis
in Siria

Francia:
gilet gialli,
atto
numero 14