I nuovi retroscena della maxi richiesta di risarcimento
Immagini articolo
Il misterioso arabo
e il precetto a Giudici
MAURO SPIGNESI


Un progetto ambizioso, quello della Vrway communication, società lussemburghese con succursale a Lugano. Un progetto tecnologico, tra quotazioni e speranze di successo, che si è lentamente inabissato. Quando, come nelle migliori sceneggiature di un film, sarebbe arrivato il colpo di scena: un misterioso magnate arabo che avrebbe dovuto iniettare soldi freschi per salvare l’azienda in crisi anche per effetto delle "bolle" sui titoli tecnologici, sarebbe sparito. Dopo diverse chiamate si sarebbe scoperto che era morto. Vero, falso? Qui le versioni di chi conosce la storia divergono.
Resta un fatto: sulla fine della società che dal febbraio 2012 all’ottobre 2014 era guidata, in qualità di presidente del consiglio d’amministrazione, dall’ex sindaco di Lugano Giorgio Giudici, resta ancora parecchio da raccontare. L’ultimo capitolo, per ora, è un precetto record da 9 milioni e 124 mila franchi a carico di  Giudici, che da due anni - come ha svelato un servizio di 20 minuti - attende d’essere incassato o annullato, come ha chiesto il legale dell’ex sindaco.
Sul misterioso uomo d’affari Giudici non conferma e non smentisce, anzi, per usare le sue parole, "non dico né sì, né no". Poi, telegrafico, aggiunge: "Il tempo farà venire a galla la verità, tutta la verità su questa vicenda". Una vicenda che, dicono le persone che gli sono state vicine anche quando ha perso lo scettro di re di Lugano, lo ha fatto soffrire molto. E perdere soldi. Tanti. Lui stesso ha ammesso d’aver iniettato nell’azienda diversi milioni, almeno quattro, ha precisato.
Ma per il fiscalista Giovanni Gianola, che ha lanciato per primo la Vrway ed è a capo della Fardafin di Lugano che ha raccolto attorno all’operazione diversi investitori, i contorni della vicenda sarebbero altri. E la sua versione la racconterà nel prossimo numero del Caffè. Gianola ha un ruolo importante in questa storia, perché intanto riportano a lui le società che hanno spedito a Giudici il precetto milionario. E poi perché è stato proprio Gianola a scegliere Giorgio Giudici per rilanciare la società dopo la prima bolla delle start up tecnologiche degli Anni duemila. In pratica, allora, la Vrway communication aveva sviluppato una tecnologia all’avanguardia. E per crescere aveva pensato al Nasdaq, il mercato borsistico elettronico americano. Salvo poi fare rotta sull’Aim Italia, il mercato azionario delle giovani società a forte crescita, dove era stata collocata attraverso Intermonte Sim, un advisor milanese, con una valutazione notevole da 77 milioni di euro.
Nel primo periodo l’operazione aveva funzionato, tanti avevano acquistato le azioni, compresi noti imprenditori di Lugano. La Vrway aveva puntato anche sul mercato cinese, dove sembra stia continuando a lavorare con successo.
Il progetto intuiva e per certi versi anticipava di anni uno dei principali prodotti di Google, Street view. Una fiammata dopo lo sbarco nei listini di Aim Italia. In mezzo, appunto, la speranza di sfondare in un mercato immenso come la Cina. E poi, la sterzata. In negativo. Con un crollo che tuttavia sembrava evitato ai tempi supplementari quando all’orizzonte, in Ticino, era apparsa una cordata di imprenditori con a capo l’importante e misterioso uomo d’affari arabo pronto a tirare fuori decine di milioni da investire. Poi, il fallimento, a maggio sospeso per mancanza di attivo. E alla fine la crisi. Con la resa dei conti.

mspigniesi@caffe.ch
(1 - continua)
02.09.2018


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Il Cardio non paga
e il Mizar si arena
L'INCHIESTA

La scuola volta pagina
con lezioni di sesso
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Kerouac e i bus
direzione a Malpensa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Attacco
alla parata,
Iran:
risponderemo

Russia:
manifestanti
chiedono dimissioni
di Putin