Il Plr prende posizione sulle modifiche del piano direttore
Immagini articolo
'No a nuovi vincoli
alla libertà economica'
ANDREA STERN


Entro il 2030 si stima che in Ticino verranno creati 5.500 nuovi posti di lavoro. Ma le attuali zone edificabili potrebbero non bastare per coprire il fabbisogno di nuovi spazi dell’economia, secondo il Partito liberale radicale. "Anche perché spesso le zone ancora libere sono di proprietà di aziende che preferiscono tenerle per eventuali ampliamenti futuri anziché cederle alle ditte interessate a insediarsi nel cantone", osserva Sebastiano Gaffuri, vicepresidente del Plrt e coordinatore del gruppo di lavoro che ha redatto la presa di posizione del partito sulle modifiche del Piano direttore cantonale messe in consultazione dal Consiglio di Stato.
Un documento, inviato venerdì al Dipartimento del territorio, con il quale il Plrt saluta positivamente "la rinnovata collaborazione tra il Dipartimento del territorio e il Dipartimento delle finanze e dell’economia in materia di zone lavorative", ma esprime perplessità sulla volontà di garantire lo sviluppo unicamente attraverso l’ottimizzazione dello sfruttamento delle zone già esistenti. "È importante tutelare l’ambiente, ma è altrettanto importante avere riguardo per le esigenze delle aziende - afferma Gaffuri -. Ci vuole un giusto equilibrio, senza preclusioni di sorta".
Invece il Governo, o meglio il Dipartimento del territorio, "sembra avere una grande voglia di introdurre nuovi vincoli e nuove direttive", aggiunge il presidente plrt Bixio Caprara. Un atteggiamento che il partito giudica pericoloso. "Noi vogliamo un’economia forte, capace di generare posti di lavoro qualificati, introiti fiscali e benessere - afferma Caprara -. Ma chiaramente l’economia ha bisogno di spazi".
Per il Partito socialista, che invierà la sua presa di posizione entro fine settembre, le attuali zone artigianali e industriali sono invece più che sufficienti. "Il territorio è saturo e inquinato, la viabilità è al collasso - sottolinea il vicepresidente Ivo Durisch -. Il Ticino non può permettersi di continuare a crescere come ha fatto negli scorsi anni. E non ne ha nemmeno bisogno, se si considera il mercato del lavoro interno". Durisch condivide quindi a grandi linee l’orientamento del Consiglio di Stato. "Le zone edificabili vanno bene così - sostiene -, piuttosto che ampliarle, proviamo a ottimizzarle".
Ma la volontà di impedire un ampliamento delle zone edificabili non è l’unico aspetto che fa storcere il naso al Plrt. "Il Dipartimento del territorio intende introdurre dei criteri di accesso alle zone artigianali e industriali - dice Gaffuri -. Ma non è chiaro quali saranno questi criteri. Il nostro timore, vista l’attuale tendenza, è che si voglia porre dei vincoli sulla percentuale di lavoratori residenti, ad esempio, o sul livello salariale. Aspetti che non c’entrano nulla con la pianificazione del territorio. Non vorremmo che nel Piano direttore vengano infilate norme relative a questioni che andrebbero regolate con altri strumenti". Insomma, no a regole troppo restrittive. "La pianificazione del territorio - insiste Gaffuri - deve indirizzare, non vincolare".  
E come il Plrt, la pensano anche gli imprenditori. "Non siamo contrari a un riordino del territorio, a una definizione più precisa delle zone destinate a certe attività - dice Stefano Modenini, direttore dell’Associazione industrie ticinese (Aiti) -. In passato sono stati fatti tanti errori dal punto di vista pianificatorio e capiamo che oggi il Cantone voglia intervenire. Ma auspichiamo che lo si faccia senza pregiudicare lo sviluppo economico". L’Aiti prenderà ufficialmente posizione nelle prossime settimane. "Cercheremo di dare un orientamento per consentire al parlamento di correggere un po’ la rotta - conclude Modenini -. Il libero insediamento deve essere mantenuto".

a.s.
02.09.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La privacy è morta
evviva la privacy
L'INCHIESTA

Gli affiti il business
delle Ferrovie federali
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

E il dentista incassa
i soldi dei contribuenti
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il gioco a scacchi
tra Trump e Kim
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il dopo Chavez
che avvelena Caracas
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
06.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 18 febbraio prossimo
01.02.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 1° febbraio 2019 alle ore 9:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
30.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2018
29.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole medie superiori per il periodo 2019-2023
28.01.2019
I giovani e le aziende interessate a partecipare al programma di scambio Swiss Mobility sono invitati a porre candidatura entro il 15.3.2019
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
21.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ultimo
assalto
all'Isis
in Siria

Francia:
gilet gialli,
atto
numero 14