Tensione in Brasile sulla decisione del Tribunale supremo
Immagini articolo
Niente voto per Lula
"Non si può candidare"


Ora bisognerà attendere solo la sua decisione. Bisognerà cioè capire, anche se le manovre sono davvero limitate, se l’ex presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva, accetterà la decisione dei giudici (in 6 hanno detto no, uno solo ha detto sì) che hanno stabilito che non può candidarsi alle prossime elezioni del 7 ottobre. Oppure se troverà un nuovo escamotage giudiziario per ribaltare il provvedimento. I suoi legali sono al lavoro dopo la decisione del Tribunale supremo elettorale (Tse), che ha accolto i ricorsi contro Lula, a causa della sua condanna per corruzione e riciclaggio. Appena annunciata la bocciatura della candidatura, il Partito dei Lavoratori in un comunicato ha spiegato che vuole "continuare a lottare con tutti i mezzi" per poter inserire Lula in lista.
La sessione del Tse è durata oltre dieci ore. La maggioranza dei magistrati alla fine si è trovata d’accordo: Lula è ineleggibile in base alla cosiddetta "legge della scheda pulita", quella che vieta ai cittadini condannati in secondo grado di presentarsi alle elezioni. L’ex presidente, ancora molto popolare in Brasile, sta scontando dal 7 aprile una condanna a 12 anni che gli è stata inflitta in primo grado dal magistrato-simbolo delle inchieste anti-corruzione in Brasile, Sergio Moro, e poi confermata in appello da un tribunale regionale di Porto Alegre.
L’unico giudice a favore di Lula, Edson Fachin, ha giustificato la sua scelta in base alla richiesta presentata dal Comitato per i diritti umani dell’Onu alle autorità brasiliane. Una richiesta per garantire all’ex presidente il pieno esercizio dei suoi diritti civili.
02.09.2018


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Sgravi fiscali per tutti
con un taglio del 5%
L'INCHIESTA

L'estate al museo
con 100mila visitatori
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Nelle città turistiche
non si santifica la festa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I missili non aiutano
la Siria senza pace
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

"Florence"
declassato
ma vittime
e danni

Città del Messico:
sparatoria
in pieno centro,
morti e feriti