Il monito contro la 'ndrangheta del sociologo Dalla Chiesa
"Svizzera non immune
si muova la società"
ANDREA BERTAGNI


Avete la ‘ndrangheta in casa, ma non c’è alcun movimento di associazioni e cittadini che si espone in prima fila, che crea informazione, consapevolezza e formazione, che impedisce alle mafie di operare indisturbate", spiega Nando Dalla Chiesa, direttore dell’Osservatorio sulla criminalità organizzata dell’Università degli studi di Milano. Secondo Dalla Chiesa, "è proprio quando l’opinione pubblica è ferma, che le mafie trovano terreno fertile per la loro espansione".
Si spieghi meglio, professore.
"Mafia e ‘ndrangheta sono molto brave a capire quali sono gli ambienti e le persone che possono essere avvicinate. Non sempre ricorroro alla violenza, a volte ci sono rapporti sociali, amicizie, ‘compaesanità’ che aiutano a perseguire i propri obiettivi senza neanche la necessità di dichiararli. Basta un favore che viene reso senza avere la piena consapevolezza di quello che si sta facendo".
Come se tutto fosse normale?
"Sì. Ma se necessario, ricorrono alla violenza. E le vittime, se non c’è una realtà di difesa, un movimento anti mafia, un’associazione sociale, non sanno da chi andare e a volte non capiscono neanche bene cosa sta accadendo".
Cosa nostra e ‘ndrangheta sono presenti in Svizzera, ma non ci sono gli "anticorpi" giusti?
"Al di là del lavoro della magistratura, manca ancora questo meccanismo di difesa sociale. Nel Nord Italia le mafie ci sono da decenni, ma è da poco che si è cominciato a reagire. È necessario che non si esaurisca tutto a un fuoco di paglia, che la resistenza vada avanti anche dopo l’evento eclatante".
Italia a parte, esistono prese di coscienza anche al di fuori dei vostri confini?
"In Germania cominciano a essercene attorno a Berlino con l’associazione ‘mafia nein danke’, qualcosa ma molto più piccolo c’è anche a Düsseldorf e a Monaco di Baviera. In Svizzera sono presenti sensibilità, ma non sono collegate tra di loro: servirebbero leader e istituzioni civili che siano sempre in prima fila. Le mafie sanno lavorare sulle nostre mancanze di memoria e sulle nostre debolezze politiche".
09.09.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

"Mi sento vittima
di un complotto"
L'INCHIESTA

'No a piatti di plastica
alle feste e alle mense'
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I soldi dei contribuenti
per pagare il karaoke
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Trump con i tassi bassi
sogna d'essere Reagan
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Come i killer dell'Isis
ma non sono terroristi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
07.11.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 novembre prossimo
26.10.2018
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2017 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
26.10.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da sabato 27 ottobre 2018 alle ore 8:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
24.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 5 novembre 2018.
23.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all’aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre e in Val Poschiavo dal 16 ottobre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Bregaglia
22.10.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2018
16.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Poschiavo
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch


Degenera
manifestazione
a Barcellona

Trump
denunciato
dopo la stretta
sull'asilo