Le case "chiavi in mano" sempre più richieste dal mercato
Immagini articolo
Il Ticino prefabbricato
con le abitazioni 2.0
ANDREA BERTAGNI


Spuntano come funghi. Una dietro l’altra. In cima alla Riviera, così come nel Mendrisiotto e in Vallemaggia. Sono le case prefabbricate, quelle abitazioni per lo più monofamiliari, che si scelgono su un catalogo e, pochi mesi dopo, sono assemblate in quattro e quattr’otto come un Lego. Al posto dei mattoncini, il legno. Dentro hanno tutto. Cucina, bagni, porte, finestre, scale e pavimenti. Chi le sceglie, è attratto da costi e tempi di realizzazione più bassi rispetto alle case tradizionali.
Il settore delle abitazioni in Ticino  naviga a vele spiegate, tra il 2011 e il 2016 sono state costruite 13.490 nuove case, fra prefabbricate e tradizionali. Tanto che il tasso di quelle di proprietà cantonale in pochi anni è salito dal 36,5 al 40% e il loro numero  (240mila mila) è oggi il 5,4% del totale nazionale.
Ma c’è un ma. Almeno sul fronte delle case prefabbricate, che oggi hanno raggiunto un terzo del totale. Accanto a imprese che progettano e assemblano, e hanno la sede nel cantone, altre provengono dall’estero, con tutto il necessario, operai compresi. Niente di illegale, beninteso. Solo che a volte queste ditte non avrebbero un ufficio di riferimento in Ticino. Alcune ce l’hanno... su un furgone. Tutte arrivano con i camion pieni di materiale, montano in fretta e ripartono. A mettere insieme questi prefabbricati non sono manovali da cantiere, ma montatori provenienti per lo più da Germania, Polonia e Romania. Montatori che non sottostanno al contratto collettivo dell’edilizia svizzero e che, se impiegati per ditte estere, sono obbligati a notificarsi alle autorità cantonali.
Tutto bene, dunque? Non proprio. Alcuni operai impiegati da queste aziende estere lavorerebbero oltre le 22. Anche nei giorni festivi. Altri dormirebbero nelle case che stanno costruendo. Abituati a stringere i denti, lavorare senza sosta per tornare il prima possibile a casa. "In effetti in passato siamo intervenuti varie volte nei confronti di queste aziende - spiega Bruno Zarro, ispettore dell’Associazione interprofessionale di controllo (Aic) -. Ultimamente va meglio. Ma se queste segnalazioni sono verosimili, controlleremo più attentamente".
In ballo ci sono grosse cifre d’affari. Secondo una stima, solo la Schwörer Haus, una delle aziende più grandi che opera in Ticino dalla Germania, negli ultimi cinque-sette anni ha costruito 400 nuove case prefabbricate. Calcolando un prezzo minimo di 300mila franchi, fanno 120 milioni di franchi. A questi vanno aggiunti quelli delle imprese più piccole, che sempre negli ultimi cinque-sette anni hanno realizzato una ventina di abitazioni a testa. Naturalmente si tratta calcoli indicativi, ma che fanno capire la portata delle cifre in gioco.
Perché nessuno sa con precisione quante imprese straniere o presunte tali operano in Ticino. Di sicuro tutte piantano chiodo e solo una minima parte, forse il 20%, sono progettate, assemblate e vendute da aziende ticinesi con diversi anni di esperienza alle spalle. Come la Laube di Biasca. "Ci sono zone d’ombra a livello di controlli, siamo preoccupati", afferma Ruben Veronese, responsabile vendita della società biaschese.

an.b.
09.09.2018


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Il Cardio non paga
e il Mizar si arena
L'INCHIESTA

La scuola volta pagina
con lezioni di sesso
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Kerouac e i bus
direzione a Malpensa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Attacco
alla parata,
Iran:
risponderemo

Russia:
manifestanti
chiedono dimissioni
di Putin