L'analisi degli economisti Sergio Rossi e Angelo Geninazzi
Tutti gli effetti economici
del taglio fiscale del 5%
CLEMENTE MAZZETTA


Perché sì, perché no. Il taglio lineare delle imposte del 5% non fa l’unanimità neanche fra gli esperti, fra gli economisti. I provvedimenti annunciati dal ministro dell’economia e delle finanze Christian Vitta sono duramente contestati dal professor Sergio Rossi: "Uno specchietto per le allodole, che favorisce i redditi alti e che non giova al ceto medio", dice. La politica di sgravi fiscali è ben vista invece dall’economista Angelo Geninazzi: "Penso che avrà un effetto positivo sull’economia cantonale".
Vediamo perché. "La riduzione delle imposte è una decisione importante per l’economia di un cantone che non va mai valutata in un modo statico - spiega Geninazzi -. Per una serie di effetti dinamici il taglio lineare del 5% delle imposte non ridurrà automaticamente il gettito fiscale del 5%. Con quella riduzione il Ticino diventa più competitivo, le aziende avranno più risorse da investire, i privati più soldi da spendere. Questo può creare, come è già successo in molte realtà, un effetto positivo che porterà ad un aumento del gettito complessivo". Paradossalmente, sostiene Geninazzi, per aumentare o mantenere lo stesso gettito, bisogna ridurre le aliquote dell’imposta. "Se si pensa di aumentare continuamente le imposte, l’incremento a breve termine del gettito fiscale sarà certamente annullato sul lungo periodo - osserva Geninazzi -. Con la riduzione della pressione fiscale si incentivano invece nuovi arrivi di persone con alti redditi, contribuenti che finanziano in modo maggiore lo Stato, cosa che consente di mantenere quei servizi che vanno a beneficio di tutti, in particolare dei redditi più bassi".
Una prospettiva che Rossi invece ritiene impraticabile, anzi con effetti opposti. "Il taglio lineare del 5% va a beneficio soprattutto degli alti redditi che non andranno certo a spendere di più in Ticino. Di conseguenza per l’economia cantonale non ci sarà quel maggior dinamismo che si prospetta, mentre ci sarà un calo delle entrate fiscali con relativa diminuzione della spesa pubblica di cui soffriranno il ceto medio e tutta l’economia". Sarà inevitabile sul medio-lungo periodo tagliare i servizi. "Non credo nemmeno che arriveranno forti contribuenti, mentre è certo che quelli che ci sono pagheranno di meno - aggiunge Rossi -. Tutto ciò non produrrà un aumento del gettito. È una politica che non ha mai funzionato dai tempi di Marina Masoni. È stato anzi appurato che quando si tagliano le aliquote fiscali non c’è alcun vantaggio per l’economia e per le finanze pubbliche, che anzi andranno in difficoltà".
09.09.2018


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur