Una donna a capo di una fiduciaria accusata di riciclaggio
Immagini articolo
Lo sportello ticinese
e la 'banca camorrista'
FEDERICO FRANCHINI


Venticinque piccole operazioni. Trasferimenti bancari, generalmente da 5’000 franchi, e discreti prelievi in contanti per un totale di 139’000 franchi. Manovre, per l’accusa, intenzionalmente compiute per vanificare l’accertamento dell’origine del denaro. In altre parole: riciclaggio. È con questa imputazione che, il prossimo 13 settembre, una donna ticinese di 52 anni, dovrà presentarsi di fronte al Tribunale penale federale. Per il procuratore Sergio Mastroianni, che lo scorso 5 aprile ha firmato un decreto d’accusa contro cui è stata fatta opposizione, l’imputata ha compiuto atti di riciclaggio a favore di persone legate a quella che i media hanno definito la "Banca della Camorra". Ossia a quella sorta d’istituto bancario clandestino di Milano, gestito da due esponenti camorristi e dove decine di imprenditori a corto di liquidità ricevevano ingenti prestiti a un interesse del 40%. Prestiti che, una volta rimborsati, venivano trasferiti su conti svizzeri e ungheresi e poi fatti rientrare a Milano per essere rinvestiti.
L’indagine italiana era partita nel 2014 proprio a seguito di una denuncia di un imprenditore. La Direzione distrettuale antimafia di Milano aveva poi avvertito le autorità svizzere perché uno dei complici, Filippo Magnone, specializzato nel riciclaggio, abitava e operava in Ticino. L’uomo, assieme ad altre persone tra cui il fratello Matteo, è stato arrestato nel novembre del 2015 e condannato l’anno dopo a 4 anni di carcere.
L’indagine elvetica, condotta dal Ministero pubblico della Confederazione (Mpc), è stata dapprima aperta contro i Magnone e poi estesa al sottobosco della piazza finanziaria ticinese. Negli scorsi mesi la procura federale ha già condannato tre operatori di cambio con sede a Pregassona e Novazzano, per "carente diligenza in operazioni finanziarie e diritto di comunicazione". In totale hanno cambiato in euro 1,1 milioni di franchi forniti da Filippo Magnone. Il tutto in operazioni inferiori ai 5’000 franchi per agirare in controlli.
La donna che comparirà al Tpf è invece l’amministratrice di una fiduciaria presso cui aveva sede la Nassa Production&Trading Sa, oggi in liquidazione. È proprio un conto "fittiziamente intestato" a questa società, che era stato alimentato con mezzo milione di franchi da Filippo Magnone. Da questo conto, sempre per l’accusa, la donna aveva poi fatto trasferire, con piccoli bonifici, il denaro sui conti aperti presso PostFinance dallo stesso Filippo Magnone, dal fratello e dal padre. Per i magistrati, la donna doveva sapere o presumere, che questi soldi provenivano da un crimine visto che i tre erano già stati condannati in Italia per frode.
09.09.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

I matrimoni politici
impossibili (o quasi)
L'INCHIESTA

Il bluff della canapa light
in 5 minuti diventa droga
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Gli affari d'amore
non si fanno in banca
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Trump con i tassi bassi
sogna d'essere Reagan
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra senza confini
dei "mercenari killer"
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
07.11.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 novembre prossimo
26.10.2018
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2017 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
26.10.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da sabato 27 ottobre 2018 alle ore 8:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
24.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 5 novembre 2018.
23.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all’aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre e in Val Poschiavo dal 16 ottobre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Bregaglia
22.10.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2018
16.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Poschiavo
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Atene: scontri
alle celebrazioni
per la Rivolta
del Politecnico

CIA:
il principe saudita
ha fatto uccidere
Khashogggi