function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};

Svolta dei promotori del progetto turistico sul Verbano
Immagini articolo
Una "matita" locarnese
per il maxi resort di Brè
ANDREA BERTAGNI


Il progetto immobiliare per trasformare la montagna sopra Locarno in un mega resort di lusso si farà. Almeno secondo la volontà dei promotori che hanno affidato lo studio dei volumi dei terreni acquistati a un architetto locarnese, Aldo Cacchioli. E intendono depositare la domanda di costruzione entro la fine del 2019.
"Quello che è successo, non ci ferma", confessa Cosimo Violati, manager della società immobiliare, la Augur Invest di Pfäffikon, che vuole realizzare il progetto, commentando il movimento di cittadini di Brè e Cardada nato per opporsi all’iniziativa. "L’unico ritardo dipenderà da noi stessi", taglia corto.
E pazienza se nel frattempo c’è qualche incidente di percorso. Come le dimissioni del sindaco di Locarno Alain Scherrer dalla giura di esperti incaricata di valutare il design dell’albergo e degli appartamenti. "Il concorso di design è stato annullato e la giura sciolta - precisa Violati - la scelta dell’architetto avverrà quindi internamente". Anche perché, aggiunge, "uno dei nostri obiettivi è lavorare con le imprese locali: non avrebbe senso affidare la progettazione a chi non conosce il territorio".
Sarà anche così, ma intanto l’idea di realizzare una pista per elicotteri, hotel, residence di lusso, ristoranti, campi da tennis, piscina, spa e wellnes, non entusiasma la popolazione residente, che grida alla speculazione edilizia e alla distruzione del paesaggio. "Ma noi non vogliamo rivoluzionare un bel niente - dichiara Violati - prendiamo la pista per elicotteri: non è detto che la faremo, esiste una funivia che funziona a meraviglia". E a chi si interroga su una strada di accesso a Brè non idonea a un turismo di massa, i promotori rispondono che ne terranno conto. "Se facciamo qualcosa, la facciamo come si deve", precisa il manager. Guai poi a paragonare il resort ad Andermatt. "Non è il nostro modello, non faremo nulla di simile, non vogliamo cambiare volto alla montagna".
Di sicuro la Augur Invest non ha deciso ancora nel dettaglio cosa intende costruire. "La giuria ci è servita per raccogliere le idee - sottolinea il responsabile della società, Marc Sontag - stiamo verificando diverse alternative, non esiste un modello fisso". Ecco perché, secondo i promotori, è sbagliato, oggi, lanciare appelli o agitarsi. "L’albergo a 5 stelle, ad esempio, è solo un’opzione", rileva Violati.
Un’opzione tra le tante inserite nel prospetto promozionale, dove gli investitori hanno pensato in grande. Le palazzine di appartamenti sorgerebbero a Brè su un terreno di 19mila metri quadrati. L’albergo e il centro wellness verrebbero costruiti a Cardada su un’area di 10.800 metri quadri. Tutti i complessi, sulla carta, potrebbero essere alti dieci metri. Per entrare in possesso di un loft potrebbero essere necessari 22mila franchi al metro quadrato. Insomma più St. Moritz che Andermatt.

abertagni@caffe.ch
30.09.2018


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Falliti gli obiettivi Onu
su sostenibilità e salute
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Anche la pista siriana
dietro la strage di Beirut
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Confinamento più efficace
dei negoziati dell'Onu
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Armenia,
l’opposizione
in piazza
contro il governo

L’omaggio
dei moscoviti
a Boris
Nemtsov

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00