I paradossi della legge Usa da Pittsburgh ai pacchi bomba
Immagini articolo
Come i killer dell'Isis
ma non sono terroristi
GUIDO OLIMPIO


Robert Bowers, un camionista anti-semita, allineato su posizioni della destra estrema americana, ha attaccato - come si sa - una sinagoga a Pittsburgh. Undici le vittime, molti feriti e tra questi alcuni agenti. Tutti colpiti dal killer armato di un fucile AR 15 e tre pistole. Un uomo pronto a dare battaglia. Sangue di innocenti. Un gesto che ha seguito l’invio di una dozzina di pacchi-bomba a importanti figure, da Barack Obama a Hillary Clinton. Presunto colpevole un ex spogliarellista, Cesar Sayoc, affascinato da teorie cospirative e fan - anche se dell’ultima ora - di Trump e del trumpismo. Anch’egli schierato su posizioni razziste.
Dinamica e tattica ricordano quelli di formazioni eversive, come lo Stato Islamico. Eppure per la legge americana questi imputati non rientrano nella categoria "terroristi". Perché non presentano due aspetti necessari: non c’è un legame con gruppi stranieri e dietro l’atto di non vi è un’ideologia che propugna il terrorismo. Inoltre c’è lo scudo del Primo emendamento che concede libertà di parola anche a chi adora Adolf Hitler.
È una situazione legale quanto paradossale. Magistrati e poliziotti non sembrano preoccuparsene, se ne lavano le mani affermando che gli arrestati saranno giudicati per "crimine d’odio", formula che ingloba coloro che colpiscono una persona per il colore della pelle, per la sua fede religiosa, per le sue scelte personali di vita. Le pene sono severissime. Però è chiaro che le definizioni hanno un loro valore, così come un impatto. Tanto è vero che alcuni commentatori pongono il problema.
Sarebbe necessario uscire da etichette e parametri. Sui dizionari ci sono decine di definizioni di "terrorismo", ognuno ha la sua e non aiuta a raggiungere una sintesi. È impossibile. Per questo è importante esaminare questi casi singolarmente, guardando al modus operandi, alle opinioni dell’autore di un attacco e alle sue posizioni politiche. Infine serve considerare le conseguenze più ampie, nella società e sul funzionamento di una democrazia. Giudicando caso per caso.
Il camionista era un solitario - lo hanno definito un fantasma -, senza amici e di poche parole. Però era molto attivo sul web dove postava pensieri xenofobi, accusava gli ebrei di favorire l’invasione di immigrati, prometteva una ritorsione dura. Bowers non ha agito per una causa personale, ma in nome di "valori" - i suoi - che non sono certo neutrali. Appartengono alla sfera sociale e politica. Infine è andato all’assalto, come un militante, imbracciando la copia di mitra e portandosi dietro l’arsenale. Non ha tirato a caso, aveva un target. E Sayoc, pur senza fare vittime, ha costruito i suoi ordigni su un furgone ed ha messo in allarme l’intero paese in piena campagna elettorale. Alla base c’era comunque una scelta chiara, lo erano anche i suoi target, schierati in campo liberal o democratico.
Ecco perché derubricare il reato è rischioso, passa il messaggio che non è una minaccia grave quanto quella espressa dai seguaci del Califfo. Una valutazione che comporta anche risorse diverse nel contrasto del fenomeno, nettamente in crescita: agenti che lo combattono, inchieste, attenzione dell’intelligence. A meno che certe idee, in questa epoca di grandi "rivoluzioni", non siano considerate potabili.
04.11.2018


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur