L'analisi di Paul Nolte, storico alla Freie Universität
Immagini articolo
"Dopo la Merkel
ora spetta a un verde"
STEFANO VASTANO DA BERLINO


La sconfitta in Baviera e poi, in rapida successione, quella in Assia. Due segnali che Angela Merkel ha interpretato come uno stop alla sua politica. E così, prima di dover fare i conti con nuove sconfitte, Angela Merkel ha annunciato il suo addio. "È il mio ultimo mandato", ha detto chiudendo le porte anche a una semplice candidatura in parlamento dove è arriva molto giovane, nel 1990. In Germania, dunque, si chiude l’era della cancelliera dal piglio deciso, la lunga parentesi della donna nata nell’est che ha cambiato la Germania, iniziando a governarla quando la disoccupazione era inchiodata oltre il 9 per cento e la lascia con un tasso di senza lavoro di poco oltre il 3 per cento. Una serie di successi, i suoi, interni e internazionali. Ma soprattutto sul fronte dell’Unione europea dove è stata il leader di riferimento.

"Non credo che l’attuale Große Koalition durerà a lungo. Al più tardi nel 2020 avremo nuove elezioni e un nuovo governo a Berlino". Così Paul Nolte, docente di storia alla Freie Universität di Berlino, vede il futuro prossimo in Germania dopo l’annuncio di Angela Merkel di non candidarsi più come Kanzlerin alle prossime politiche. "E forse - spiega Nolte al Caffè - il cancelliere non sarà più della Cdu, ma dei Verdi e ci sarà una nuova costellazione di governo".
Di sicuro c’è solo che, da dicembre, Merkel non sarà più presidente della Cdu. A che si deve questa decisione della Kanzlerin?
"È una decisione che Merkel ha maturato a lungo, interpretando i segnali critici che da tempo si accumulavano contro di lei nel governo e nel partito. Kohl è stato 25 anni a capo della Cdu, ma anche i 18 della Merkel sono abbastanza".
Come è cambiata la Cdu nell’era Merkel?
"Merito della Merkel è quello d’aver tenuto insieme la Cdu per due decenni, e in questo lei non ha fatto molto di diverso dai predecessori Adenauer e Kohl. La Cdu è un partito di governo, sempre compatto dietro al suo Kanzler. Ma Merkel ha modernizzato la società tedesca, cannibalizzando molti temi della Spd, lasciando però scoperta la Cdu sui temi più conservatori della società".
Per questo anche nella regione di Francoforte ora la Cdu ha incassato una batosta: è la politica dei migranti il vero problema della Merkel?
"La politica migratoria della Merkel sarà pure il trauma della Cdu, così come l’Agenda 2010 di Schröder lo fu per la Spd. Ma ciò non vuol dire che le riforme del lavoro di Schröder o la politica migratoria della Merkel siano state sbagliate, anzi. Entrambe però hanno smosso, a sinistra come a destra, tendenze populiste nella politica tedesca".
In realtà anche nell’Ue l’epoca d’oro della Kanzlerin sembra passata…
"È al potere dal 2005 e l’effetto-Merkel sarà pure inflazionato. Ma la stampa internazionale le  riconosce di aver stabilizzato, sempre con i suoi toni soft e discreti, l’Ue, agendo da freno contro la deriva nazionalista e populista. La Kanzlerin pacata e con le mani giunte non attira più, e forse ora in Germania come in Europa si ha l’esigenza di un Kanzler a Berlino che svolga la stessa politica, ma con un stile più deciso e un profilo più marcato della Merkel"
Intanto la Spd è al di sotto del 20 per cento. In Germania sono in crisi entrambi i "partiti popolari"?
"La Spd ha cambiato presidente ogni due anni. E i cambiamenti globali hanno tagliato anche in Germania i  legami più tradizionali fra partiti ed elettori. De facto, oggi abbiano un sistema di 6 partiti: due liberali, i Verdi e la Fdp; due a sinistra, la Spd e Die Linke e un centro-destra ormai frazionato fra la Cdu e l’estrema destra di AfD. Non è certo in crisi la democrazia, ma il sistema Merkel appunto".
L’estrema destra della AfD ha accelerato la crisi dei classici partiti?
"La Afd è nata come partito anti-euro e anti-Europa. Ma il suo populismo si articola anche contro le elite al potere, e soprattutto contro i migranti. È un partito ibrido, con diverse identità che risucchiano voti tanto alla Spd che alla Cdu. E il nuovo presidente della Cdu, ad esempio un Friedrich Merz, dovrà cercare di riconquistare punti e consenso specialmente a destra".
I pretendenti sono Annegret Kramp-Karrenbauer, Jens Spahn o Friedrich Merz: chi succederà alla Merkel?
"Ho forte simpatia per la prima perché rappresenta la continuità con Angela Merkel. Spahn è giovane, ma non è molto amato nel partito per le sue provocazioni. Saranno Merz e Kramp-Karrenbauer a disputarsi lo scettro della Merkel".
04.11.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur