function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Medici e nutrizionisti commentano lo studio sulla salute
Immagini articolo
'Diabete e ipertensione
aumentate negli anni'
PATRIZIA GUENZI


Ci sentiamo abbastanza bene e così abbiamo detto nell’ultimo sondaggio nazionale (vedi articolo principale). Più moto, più verdura e frutta... Ma dai dati emerge un marcato aumento del diabete e dell’ipertensione, sia negli uomini che nelle donne, rispetto a dieci anni fa. Gli over 45 hanno troppo zucchero nel sangue e la pressione alta. Patologie subdole, che spesso si manifestano quando è già troppo tardi e bisogna ricorrere ai farmaci. "La maggior parte delle persone non sa di avere un tasso di avere il diabete - osserva il dottor Paolo Peduzzi, specialista obesità all’ospedale  di Bellinzona -. Inoltre, forse è vero, mangiamo meglio. Ma il rischio cardiovascolare resta, i benefici si vedranno dopo cinque-sette anni". Una brutta bestia il diabete. Si calcola che in Svizzera 100mila sono malati senza saperlo "e quindi non correggono il loro stile di vita. E troppo sangue in circolo fa alzare la pressione", osserva Danilo Vaudagna, personal trainer ed esperto di nutrizione.
Tutto collegato, insomma. Il nostro fisico non ci perdona nulla. Stravizi, pigrizia fumo e alcolici andrebbero dimenticati. "Almeno ridotti al minimo - dice Vaudagna -. Perché è vero che c’è più voglia di fare sport, ma è altrettanto vero che si mangia di più". E allora tanto vale. "Dobbiamo ricordare che lo zucchero è presente nella maggior parte degli alimenti - riprende -. Anche in quelli che neanche te l’immagini. Sono gli zuccheri nascosti, che fanno alzare la dose giornaliera. E che agiscono sulla pressione arteriosa".
Che fare? Facile, secondo l’esperto. Riprendere tutti quei movimenti, gesti e "fatiche" che abbiamo dimenticato. "Si chiama attività fisica spontanea - spiega Vaudagna -. In casa abbiamo i robot per tutto, quindi consumiamo ben poche calorie. Le scale le evitiamo e la spesa la facciamo in auto. Invece dovremmo muoverci a piedi appena possiamo, salire le scale e fare ancora qualche benefico sforzo fisico. Tutto ciò, se fatto davvero, significa consumare 2mila calorie al giorno". Non solo. Curare davvero l’alimentazione, non ingoiare di tutto. Ridurre il consumo di carne e aumentare quello di cereali, fibre, verdura e frutta. E ridurre pure le porzioni. "Già, sembra facile - osserva il dottor Peduzzi -, ma con lo stress come la mettiamo? Spesso mangiamo male e troppo perché ci sentiamo sotto pressione, costantemente all’erta". Inoltre, sottolinea il dottor Gian Antonio Romano, studio di medicina generale e medicina dello sport, "mille altri fattori influiscono sul nostro stato di salute. La ragione di alcune patologie ancora non la conosciamo".
25.11.2018


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Notte
di violenze
nelle città
statunitensi

La lenta
ripartenza
della cultura
europea

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00