function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
La psicoterapeuta commenta lo studio sulla salute
Immagini articolo
"In molti nascondono
il malessere mentale"
PATRIZIA GUENZI


Nel 2017 la maggior parte delle persone che hanno partecipato alla "radiografia" nazionale ha dichiarato di sentire molto più spesso emozioni positive che negative. Stessi risultati per i due sessi e per tutte le classi di età. Eppure in Svizzera il tasso dei suicidi è notevole e gli studi di psicologi e psichiatri sono molto ben frequentati. Probabilmente c’è una sorta di reticenza ad ammettere il "mal di vivere" o anche soltanto degli stati depressivi seppur passeggeri. O, ancora, chi non sta bene pensa di farcela da solo, di risolvere il malessere senza chiedere aiuto. E si nasconde. Lo conferma la psicoterapeuta Marina Pedimina, che si occupa anche di seminari nell’ambito della psicologia umanistica: "La realtà è un po’ diversa - spiega -. Certo, c’è chi sta bene, perché metterlo in dubbio. Ma c’è anche una fetta di popolazione che soffre di ansia e vive un malessere costante. Durante i miei seminari mi rendo conto che molte persone che dovrebbero frequentarli non lo fanno. Purtroppo c’è ancora una certa resistenza a farsi aiutare da uno psicoterapeuta".
Dal sondaggio emerge che i diplomati del grado terziario si sentono più spesso sereni (85%) di quelli senza una formazione postobbligatoria (72%). "È comprensibile - riprende Pedimina -. Problemi finanziari, precariato influiscono negativamente sulla salute psico-fisica. Un tempo c’era molta più sicurezza, un impiego era per tutta la vita, oggi non più". Comunque sia, a "denunciare" uno stato emotivo negativo, ovvero giù di morale, scoraggiato e depresso, è stata una minoranza degli interpellati, meno del 15%. La sensazione più diffusa espressa è il nervosismo, per un terzo delle donne e un quinto degli uomini che hanno detto di essersi sentiti almeno talvolta "molto nervosi". Nervosismo che, come spiegano gli esperti (vedi articolo qui a fianco), fa danni anche al fisico non solo alla psiche. Facile trascurare l’alimentazione, il che facilita l’aumento di diabete e ipertensione, "più frequenti infatti in chi vive situazioni di stress", sottolinea la psicoterapeuta.
Ad incidere sul morale, sullo stato psichico di una persona sono anche le relazioni sociali. Più sono strette e di qualità e più si sta bene. Un solido sostegno sociale è d’aiuto per affrontare le difficoltà della vita. Stando al sondaggio, il dieci per cento ha dichiarato di ricevere troppo poco sostegno sociale. La quota di chi ha detto di trovarsi in questo stato aumenta soprattutto dai 75 anni in su. Inoltre, a prescindere dall’età, la quota di persone senza formazione postobbligatoria che può contare solo su un sostegno sociale scarso è più alta di quella di chi ha un diploma di grado terziario (il 19 contro l’8%).
25.11.2018


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Notte
di violenze
nelle città
statunitensi

La lenta
ripartenza
della cultura
europea

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00