Fotoreportage dalla Penisola araba da 4 anni in guerra
Immagini articolo
Le stragi di bambini
nello Yemen devastato
MATTEO BASTIANELLI


Idue fratelli gemelli nati prematuri, ricoverati in un reparto per malnutrizione a Taiz, naturalmente non sanno cosa sta accadendo al loro Paese, dove 85.000 bambini sotto i 5 anni muoiono di fame ogni anno. E non si sa neppure che fine ha fatto un uomo caricato a forza su un camioncino a Sana’a. Cercava di liberarsi dalla presa di una decina di militari che a calci e pugni lo hanno costretto a salire sul retro, mentre altri gli intimavano di non muoversi con le armi. Scene quotidiane dallo Yemen dove ci sono barricate fatte di mattoni, sacchi di sabbia e rocce. Auto distrutte impilate una sopra all’altra come fossero modelli in miniatura. Bambini feriti da colpi di fucile, granate, schegge di bombe.
L’Arabia Felix, nota fin dai tempi degli antichi romani per incenso, mirra e lucrosi traffici commerciali, è ormai un lontano ricordo: oggi in Yemen c’è soprattutto morte, distruzione e sofferenza. E una pianta di cui tutti si riempiono la bocca masticandone le foglie, fino a deformarsi le guance: il Khat (Qat). Ha un effetto simile a quello dell’anfetamina, non fa sentire la fatica, causa perdita di sonno e di appetito inducendo comportamenti maniacali e iperattività. Droga perfetta per un Paese affamato dalla guerra, narcotizzato e utilizzato come terreno di scontro tra Arabia Saudita e Iran per l’egemonia nella regione. L’ennesima guerra per procura che si inserisce nel contesto più ampio dello scontro tra Russia e Stati Uniti, già visto con le stesse modalità in Ucraina e in Siria.
L’embargo imposto dall’Onu è stato sapientemente aggirato da Usa, Regno Unito, Francia, Germania, Italia e Spagna, che continuano a fare affari con l’Arabia Saudita, beffandosi del Trattato globale sul commercio delle armi. Dopo l’efferato omicidio del giornalista dissidente saudita Jamal Khashoggi, soltanto la Germania ha bloccato le vendite di armi ai sauditi. Dall’inizio del conflitto in Yemen più di 2.500 scuole sono state distrutte dai bombardamenti, chiuse o usate per motivi bellici. Al momento, due milioni di bambini in età scolare non ricevono alcuna istruzione. Sono proprio i più deboli a pagare il prezzo più alto. Ho visto bambini soldato un po’ ovunque, dal nord al sud, attraversando circa 100 check-point controllati dalle varie fazioni in lotta e due linee del fronte.
Così i ragazzini si guadagnano 2000 riyal al giorno, l’equivalente di circa 5 dollari. Controllano i veicoli e i permessi di transito di chi ha deciso di viaggiare in quel che rimane di un Paese dilaniato da una guerra civile in corso da quasi 4 anni. Le parole a volte ingannano, volutamente, ma in questa guerra come in tutte le altre, non c’è nulla di civile. Secondo le stime dell’Organizzazione delle Nazioni Unite (Onu), si tratta della peggiore crisi umanitaria al mondo, con 20 milioni di persone che hanno bisogno di protezione e assistenza umanitaria a causa della mancanza dei servizi sanitari e delle provviste.
Un terzo della popolazione versa in condizione di insicurezza alimentare; c’è chi muore in casa per le intossicazioni causate dal cibo avariato, chi non ha accesso ad acqua potabile sicura. I pozzi inquinati e l’acqua contaminata, solo nello scorso anno, hanno provocato oltre un milione di casi di diarrea e colera. Secondo le stime ufficiali, a ribasso, il conflitto ha causato la morte di 10.000 persone, 3 milioni hanno perso casa e sono sfollati internamente, senza possibilità di lasciare il paese. Dal 2015, sia gli attacchi aerei della coalizione a guida saudita che i droni americani impegnati nella "guerra al terrore" hanno causato centinaia di vittime e feriti tra i civili inermi, così come gli Houthi e le forze governative anti-Houthi si sono resi protagonisti di lanci indiscriminati di missili e esplosivi contro i centri abitati. I danni collaterali di un conflitto che non fa sconti, sotto nessun punto di vista. I prezzi sono aumentati in media del 300% per i generi alimentari. L’accesso alle cure è uno dei problemi maggiori. Da più di 2 anni il Ministero della Salute non paga i salari e gli ospedali pubblici non funzionano più. Solo grazie al supporto delle Ong si riesce a garantire l’accesso gratuito alle medicine e gli interventi di emergenza. I dialoghi di pace sono falliti già molte volte e sembra che nessuno voglia davvero mettere a tacere le armi. Molti analisti citano la Bosnia come termine di paragone per lo Yemen; si fa sempre più largo l’idea di un ipotetico congelamento del conflitto attraverso la divisione del paese in un mosaico etno-religioso in grado di garantire gli interessi di tutti. Ossia, di nessuno. In applicazione del motto latino del "divide et impera", rielaborato in chiave mediorientale, sulla pelle dei civili yemeniti.
02.12.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Gli ospedali diventano
cliniche specializzate
L'INCHIESTA

Il successo di Airbnb
infastidisce gli hotel
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Nuovi caccia finanziati
con la colletta sul web
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Geografia della rabbia
contro la globalizzazione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Ladri e spacciatori
cambiano il Califfato
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.12.2018
Licenziato il messaggio relativo all’approvazione del Piano cantonale delle aggregazioni
12.12.2018
Ampliato il ventaglio dei colori per le mappe della qualità dell'aria [www.ti.ch/oasi]
09.12.2018
Nuovo orario 2019 per i mezzi di trasporto pubblico in Ticino [www.ti.ch/trasporti]
07.12.2018
Concorsi scolastici 2019/2020 - è aperto il concorso per la nomina e l'incarico di docenti e operatori
06.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2018
05.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2018
05.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2018
05.12.2018
Aggiornati i dati su consumo e produzione di energia in Ticino consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2018
29.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

USA:
il segretario
all'interno
lascia

Cairo:
Scoperta
nuova tomba
della V dinastia