L'Isis non è sconfitto, restano 230mila 'soldati' in guerra
Immagini articolo
La silente resistenza
del Califfato islamico
GUIDO OLIMPIO


Il massacro dell’11 settembre 2001 non è stato l’inizio della sfida terroristica, i qaedisti hanno iniziato a colpire fin dal 1993. E non hanno mai smesso impegnando l’Occidente così come altre realtà in una lotta infinita. Gli Usa hanno messo in piedi una coalizione per dare battaglia, Mosca ha fatto lo stesso nelle aree di sua competenza, la Cina si è accodata. Dietro una lunga fila di governi democratici e regimi, ognuno con le sue risposte. Parziali, quasi sempre militari o di polizia. Che sono certamente necessarie, però non sufficienti.
Uno studio diffuso dal centro Csis di Washington ha fornito numeri non proprio incoraggianti. A partire da quel drammatico giorno di settembre gli estremisti hanno continuato a crescere: oggi - secondo le stime degli esperti - sono attivi circa 230 mila militanti, una presenza sparsa in 70 paesi. Uomini affiliati a Osama, allo Stato Islamico, a gruppi che si collocano nel mezzo innalzando la bandiera della guerra santa. Cifre impressionanti visto lo sforzo messo in atto per 17 lunghi anni ai quattro angoli della terra.
L’Isis, dopo aver dovuto abbandonare le sue roccaforti, ha comunque mantenuto l’azione nel nord est della Siria, dove conduce la tattica preferita, quella della guerriglia. In altre aree geografiche - come l’Iraq - si affida alle cellule, agli attentati, agli omicidi mirati. È una strategia di lungo termine che prevede prima la "resistenza", quindi - al momento opportuno - il rilancio. Il Califfato, ridotto nelle sue dimensioni, ripropone lo schema: vuole sfruttare gli errori dei suoi avversari, è convinto che alla fine mancanza di soluzioni vere porteranno strati di popolazione e reclute dalla sua parte.
Non basta falciare le unità oltranziste, non è sufficiente eliminare quadri e capi. I raid, le incursioni, le attività di intelligence sono fondamentali, chiudono un "lato", però devono essere accompagnate da iniziative più strettamente politiche/economiche. Se non risolvi le tensioni sociali, se non elimini il settarismo, se non crei condizioni di vita normali è arduo contrastare gli amanti della Jihad. I quali hanno la grande capacità di adattarsi, sono pazienti, mettono a punto tecniche per continuare a far male. In certi quadranti si comportano da miliziani veri, bene addestrati, padroni delle campagne, abili nel costruire quinte colonne. In altri luoghi si affidano a simpatizzanti, ad attacchi rustici con pugnali e le vetture ariete. I servizi di sicurezza mettono le mani avanti, temono sorprese, dall’uso di droni a veicoli (o persino battelli) radiocomandati. Mezzi testati in Medio Oriente.
Va male anche in Afghanistan. Anzi, se si esclude qualche parentesi, siamo stati sempre costretti a inseguire. Il rapporto sostiene che vi sono almeno 35-40 mila insorti vicini ai talebani, poi un nucleo di irriducibili di al Qaeda - 200-300 -, infine le bande minoritarie dello Stato Islamico. In questi mesi la minaccia si è concretizzata con una serie impressionante di attentati mentre si esplorano le possibili vie negoziali. Da seguire la Libia, dove l’Isis non è stato mai eliminato completamente. Vertice settentrionale di un fenomeno sempre diffuso anche a sud, nel Sahel, in Nigeria, per finire nel Corno d’Africa dove si intrecciano anime diverse del "radicalismo".
Oggi sappiamo molto sui terroristi, ne abbiamo arrestati a centinaia, abbiamo ostacolato i loro movimenti, costruito giganteschi archivi. Successi importanti - sarebbe ingiusto non ricordarli - ma non sufficienti per chiudere la partita.
02.12.2018


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

"La nostra vita?
Un percorso a ostacoli"
L'INCHIESTA

I morti sulle strade
sono calati da 97 a 15
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Ci sono quelli convinti
che il sushi sia vegetariano
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La guerra di Trump
e il sorpasso cinese
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Quel "Muro"di Trump
contro gang e miseria
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2019
17.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2019
10.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2019
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Europeisti
in marcia
con Tusk
e Weber

Rabbia
in Venezuela
per il carburante
che non c’è