I cani "speciali" impiegati del Corpo guardie di confine
Jack e Oba a caccia
di piante e animali rari
MAURO SPIGNESI


La Cites è la Convenzione sul commercio internazionale delle specie di flora e fauna minacciate d’estinzione (in tutto 5.000). Animali, o oggetti realizzati con le pelli, che spesso si ritrovano dentro una borsa, nascosti nelle gabbie. Sono frutto di traffici o souvenir di una vacanza. Jack e Oba, entrambi di tre anni, dopo un corso di formazione al Kosit di Interlaken (centro di competenze per la sicurezza, l’intervento e la tecnica  dell’Amministrazione federale delle dogane che, tra le altre cose, si occupa dell’addestramento degli specialisti conduttori cani) sono da tempo operativi nelle dogane ticinesi, insieme ad altri 5 esemplari di pastori belga Malinois. "I nostri cani, sette in tutto, vengono addestrati a individuare le sostanze con le quali possono entrare in contatto durante i controlli", spiega il sergente Fausto Fedele, responsabile tecnico cani di servizio per la Regione IV del Corpo guardie di confine. È come se i cani aggiornassero il loro fiuto in continuazione. "Praticamente - aggiunge Fedele - l’addestramento funziona come una catena che si allunga. Prendiamo le sostanze stupefacenti. Si parte dal principio attivo, come ad esempio, il tetraidrocannabinolo che porta a individuare l’intera famiglia di derivati della canapa". L’Amministrazione federale delle dogane, inoltre, sta pensando a un progetto di "dog cash", sempre dell’ottica della strategia di contrasto al contrabbando. I cani ogni settimana vanno a caccia, ad esempio, di gioielli di corallo rosso, oppure merci di pelle di coccodrillo, o di animali di cui è proibita l’importazione. In questi anni le guardie di confine hanno rintracciato di tutto. Una delle ultime operazioni riguarda due boa vivi trovati dentro scatole di plastica nella borsa una donna fermata a settembre al valico di Pizzamiglio.
Perché per certe merci sono necessarie autorizzazioni d’esportazione Cites rilasciate dalle autorità del Paese di provenienza e autorizzazioni di importazione dell’Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria (Usav). Invece non sempre i documenti sono regolari. Così capita di trovare, grazie ai cani, piccoli animali importati da paesi esotici o sciarpe di pelo delle antilopi tibetane (shatoosh), di cui è vietato il commercio.
02.12.2018


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Ecco come sarà
il Cardiocentro 1.0
L'INCHIESTA

Sembrano giocattoli
... eppure uccidono
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il formidabile esercito
...che ora si rinnova
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Quel Modi indiano
piace a Usa e Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dall'Iran sino a Kim
donald alza il tiro
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
25.06.2019
Aggiornato il catasto del potenziale solare degli edifici con i dati di tettosolare.ch consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
19.06.2019
Nuova veste grafica, contenuti e funzionalità per il sito della Divisione della formazione professionale
17.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2019
13.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, giugno 2019
12.06.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 24 giugno 2019.
12.06.2019
Pubblicato il rapporto annuale 2018 sul programma di monitoraggio ICP-Waters [www.ti.ch/aria]
11.06.2019
Qualità dell'aria in Ticino: rapporto 2018 [www.ti.ch/aria]
07.06.2019
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha rinnovato il suo portale tematico, modificando e aggiornando parte della documentazione [www.ti.ch/commesse]
05.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2019
31.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Incendio
nel centro
di Parigi,
almeno 3 morti

Italia: così
gli scafisti
scaricano i migranti
a Lampedusa