Per il Mizar il Cardio pensa a ricerca e appartamentini
Immagini articolo
"Laboratori e camerette"
L'Università è contraria
PATRIZIA GUENZI


Tutto e il contrario di tutto. Capire cosa accade all’interno del Cardiocentro è diventato quasi impossibile. Comunicati stampa che smentiscono le smentite. Una cosa è certa. Alcune settimane fa il Municipio di Lugano ha scritto a SwissLife, proprietaria dello stabile Mizar di Molino Nuovo individuato per il futuro polo di ricerca, per dire che il Cardiocentro era fuori dalla cordata. È bastato che il Caffè pubblicasse domenica scorsa la notizia perché il cosiddetto "ospedale del cuore" alzasse la mano con un comunicato stampa per dire che no, si tratta di illazioni. Abbiamo dato ordine, così hanno scritto questa settimana, di procedere al versamento dei 5 milioni necessari per l’acquisto dello stabile. In verità, l’edificio ha un costo tra acquisto e ristrutturazione di 48 milioni. Il Cardio si era impegnato a pagarne subito 5 e, tra il 2021 e il 2026, rilevare il 50% dei 10 milioni già versati dal Municipio di Lugano. Il resto lo si finanzierà attraverso Banca Stato. Questo dice la Convenzione che SwissLife, stanca di tanti tira e molla, ha detto che occorrerà firmare entro fine gennaio.
Misteriosamente questa settimana in un suo comunicato il Cardiocentro parla di una seconda Convenzione. Che di fatto non esiste. Una Convenzione, par di capire, che permetterebbe al Cardiocentro di limitarsi ai primi 5 milioni, e al Municipio di risparmiarne 5 o 10 che siano. Come? Coinvolgendo l’immobiliare Artisa, di Stefano Artioli, che ha da alcune settimane preparato un progetto di massima per realizzare all’interno dello stabile alcuni mono e bi-locali arredati da affittare agli studenti dell’Università. Questo in un’area preponderante dello stabile. In uno spazio, forse il 30-40% dell’edificio, si potrebbero realizzare i laboratori di ricerca. Un ibrido irrealizzabile, così avrebbe definito in questi giorni il progetto il rettore dell’Università, Boas Erez. Lui si è detto interessato all’intera operazione, ma ottenendo però la "governance" dell’interno progetto. E senza la realizzazione di camere in affitto.
Giovedì mattina Cardiocentro e Università siederanno allo stesso tavolo con il Municipio. Le singole posizioni saranno chiarite, si spera. E forse si capirà dove i 5 milioni del Cardio sono stati depositati. È possibile nel conto clienti dell’avvocato Giovanni Jelmini, membro della Fondazione Cardiocentro e associato dello studio Respini, studio di riferimento per l’"ospedale del cuore". Ma si saprà anche che l’operazione così come concepita in passato, con il Cardiocentro interessato all’affitto di gran parte degli spazi, non sarà più possibile. Quel denaro il Cardiocentro non ce l’ha. E anche i 5 milioni di cui si sta parlando sono stati ottenuti in parte grazie ad un’operazione di vendita e poi affitto di costose apparecchiature. Un’operazione che impegnerebbe la struttura anche dopo la scomparsa, dal 2021, della Fondazione che gestisce il Cardiocentro.

p.g.
02.12.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La privacy è morta
evviva la privacy
L'INCHIESTA

Gli affiti il business
delle Ferrovie federali
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

E il dentista incassa
i soldi dei contribuenti
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il gioco a scacchi
tra Trump e Kim
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il dopo Chavez
che avvelena Caracas
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
06.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 18 febbraio prossimo
01.02.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 1° febbraio 2019 alle ore 9:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
30.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2018
29.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole medie superiori per il periodo 2019-2023
28.01.2019
I giovani e le aziende interessate a partecipare al programma di scambio Swiss Mobility sono invitati a porre candidatura entro il 15.3.2019
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
21.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ultimo
assalto
all'Isis
in Siria

Francia:
gilet gialli,
atto
numero 14