Dietro l'attacco a Strasburgo le nuove reclute dell'Isis
Immagini articolo
Ladri e spacciatori
cambiano il Califfato
GUIDO OLIMPIO


Un attacco al mercatino di Natale a Strasburgo, l’azione condotta da un militante con un passato criminale. Le polemiche sui controlli di polizia "bucati" dal killer. Poi la rivendicazione - vera o d’opportunismo - del Califfato. Una storia che sembra ripetersi. E infatti si ripete e nessuno è in grado di dire per quanto ancora assisteremo a questi scenari.
Lo Stato Islamico, come si dice in gergo, continua "a scalciare", a fare vittime secondo le possibilità e le occasioni. Sul piano militare l’alleanza di curdi siriani e forze Usa ha continuato a progredire nel nord est della Siria. Offensiva centrata su Hajin (liberata venerdì) ma poi allargata alle aree circostanti nella speranza di demolire questa roccaforte non lontana dall’Iraq. Nel quadrante siro-iracheno la fazione dispone di migliaia di uomini che usano spesso il deserto come rifugio e schermo. Nella località che ha dovuto cedere agli avversari ha lasciato piccoli nuclei che possono sempre colpire, condurre sabotaggi, organizzare agguati con tunnel e ordigni.
Gli analisti statunitensi sostengono che l’Isis ha creato reti d’appoggio in Turchia e in altri Paesi, network che deve alimentare la lotta sotto il profilo economico e favorire un sostegno ora che il terreno a disposizione del Califfo non è comparabile a quello di due anni fa. Come altri movimenti jihadisti punta sul lungo termine: riorganizza, ristruttura, rimette insieme le forze, si lecca le ferite e riparte. C’è da capire quanto sia efficace la filiera che per mesi ha alimentato questo esercito con migliaia di volontari arrivati da dozzine di Paesi. Gli Usa sostengono che il flusso si è ristretto grazie a controlli e prevenzione, ma in apparenza ha avuto ripercussioni parziali sulla capacità bellica degli estremisti.
Vediamo questo fenomeno anche in altre regioni. In Libia ha avuto perdite, però continua ad avere una propria presenza, sia pure minoritaria rispetto alle "brigate" libiche di altro colore. In Afghanistan combatte gli alleati e deve fronteggiare gli stessi talebani: di nuovo vale la regola di un gruppo piccolo quanto agguerrito.
Diverse le dinamiche in Europa. È fonte di ispirazione per molti simpatizzanti, ha reclutatori nelle prigioni - vere palestre di Jihad, - attira banditi che si convertono alla lotta armata. Numerosi arresti hanno permesso di sventare piani, un rastrello che, tuttavia, non può portare via tutto. Dopo i massacri del Bataclan e di Bruxelles, lo Stato Islamico ha lasciato che fossero i suoi seguaci a portare avanti l’iniziativa. In molto casi senza neppure un ordine preciso o un contatto diretto. Non sono lupi solitari nel senso stretto del termine in quando agiscono all’interno di un ambiente - spesso familiare o di amici - che li incoraggia, in qualche modo li assiste a livello logistico. In virtù di una comune ideologia islamica radicale - neppure troppo profonda - oppure perché c’è una solidarietà determinata da rapporti diretti.
Poche settimane fa una delle riviste online della fazione ha rivelato che per alcuni gesti terroristici il vertice non conosceva l’autore ed ha appreso che è avvenuto attraverso i normali canali di informazione. Quindi, una volta scoperta l’operazione, si è assunto la responsabilità. Rivelazione che conferma molti sospetti su un modus operandi agile, con un’organizzazione di basso livello e persino inesistente. Ciò non significa che il pericolo sia diminuito. Il continuo coinvolgimento di ex ladri/spacciatori, affascinati dalla bandiera nera e magari diventati militanti dopo una pena detentiva, ci costringe a stare in guardia. Sempre.
16.12.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

L'ascensore sociale
si è ormai inceppato
L'INCHIESTA

"Il via vai di procuratori
rallenta le inchieste"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I talenti non hanno
orientamenti sessuali
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La crescita dipende
dai rapporti con Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tecniche viet-cong
nei tunnel del Califfato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
Farage lancia
la marcia
pro-Leave

Tirana:
violente proteste
davanti
al Parlamento