function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Vita tra malattia e miseria dei profughi sfuggiti alle stragi
Immagini articolo
Tra i rifugiati siriani
in lotta contro la pazzia
MATTIA MARZORATI DA BEIRUT


Non riuscivo a dormire. Avevo incubi. Non parlavo con nessuno", racconta Nada, 24 anni, fuggita da Aleppo una notte di quattro anni fa per sfuggire ai soldati dell’Isis. Tutti i suoi familiari sono morti nell’esplosione di una bomba che ha distrutto la casa dove abitavano. Quando Marie Gorra, psicologa di Humedica, ha iniziato con lei la terapia il suo stato psicologico era molto grave. Oggi Nada lavora a tempo pieno in un negozio nella periferia di Zahle, in Libano.
Il milione e mezzo di siriani che hanno trovato rifugio in Libano vive da anni in condizioni estreme. Una situazione difficile: chi popola gli Its, cioè le tendopoli non riconosciute ufficialmente dal governo nelle zone rurali del Paese, deve fare i conti con l’assenza di servizi primari come quelli sanitari, igienici ed educativi. Chi si è insediato nelle città abita i campi profughi palestinesi in quartieri come Burj el Barajneh e Shatila a Beirut, dove in un chilometro quadrato convivono circa 30mila persone.
In un contesto come questo, aggravato dalla situazione di illegalità (dal 2014 il governo ha smesso di registrare i rifugiati siriani impedendo la loro regolare permanenza nel Paese) e di miseria (circa il 70% dei siriani vive sotto la soglia di povertà) uno degli aspetti che più ha colpito questa popolazione sono le malattie di natura mentale. Diverse organizzazioni non governative (Ong) presenti nel Paese hanno registrato numerosi casi di pazienti affetti da stress, depressione e ansia. Alcuni hanno tentato il suicidio. Patologie non legate solo ad episodi traumatici vissuti in Siria ma causati dalle attuali condizioni di vita.
"Noi - racconta Alissa, psicologa nella clinica di Medici senza frontiere a Tripoli - solo nel 2017 abbiamo avuto in cura 11mila pazienti in tutto il Libano. La maggior parte soffrono di depressione e ansia ma per quanto diffusi siano questi disturbi non è semplice dialogare con i rifugiati. Molti percepiscono la salute mentale come un tabù del quale non parlare e capita che si affidino a figure spirituali di vario genere per curarsi".
Gli specialisti impegnati nel sostegno psicologico si scontrano quotidianamente con ostacoli che sembrano invalicabili. Molti progetti vengono finanziati da donazioni internazionali che negli ultimi anni stanno calando e costringono le Ong ad operare in modo discontinuo. Da questa mancanza di fondi nasce la difficoltà di trovare personale qualificato, si crea così per i pochi specialisti in prima linea un sovraccarico di lavoro spesso insopportabile. Caritas Libano offre aiuto psicologico agli psicologi stessi che supportano una media di 60 pazienti contemporaneamente.
La condizione di sovrappopolaménto (il 20% dei siriani abita con più di 7 persone nella stessa casa) e la mancanza di un impiego e di un futuro crea conflitti familiari. Nel rapporto relativo allo scorso anno l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr) denuncia che in oltre la metà delle famiglie è stata usata la violenza fisica come strumento educativo. Altri due aspetti che minano pesantemente la salute mentale dei bambini, che costituiscono la metà del totale della popolazione siriana in Libano, sono quelli del lavoro agricolo e dei matrimoni precoci. Lo sfruttamento minorile è accompagnato dall’abitudine, in preoccupante crescita, di combinare nozze con giovanissime spose nel tentativo di trovare una sorta di stabilità sociale. Entrambi i fenomeni hanno però la conseguenza di precludere ai minori la possibilità di frequentare la scuola con il rischio di creare una generazione analfabeta e mentalmente fragile.
Negli ultimi anni il lavoro dei medici, soprattutto psicologi, per aiutare i rifugiati siriani in Libano è stato sostenuto da diverse organizzazioni nazionali e internazionali. Ma le strategie messe in atto finora sono ancora ampiamente insufficienti per arginare un’emergenza che è immutata da quasi un decennio.
20.01.2019


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Notte
di violenze
nelle città
statunitensi

La lenta
ripartenza
della cultura
europea

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00