Nelle vie di Parigi dopo le violente critiche sui migranti
Immagini articolo
"Le accuse italiane?
Pensino alle persone"
LUISA PACE DA PARIGI


Una scrollata di spalle, un sorriso, una punta di fastidio. E qualche accusa all’Italia mentre la vera preoccupazione sono le manifestazioni dei gilet gialli. Così hanno reagito i parigini interpellati dal Caffè alle accuse contro la Francia lanciate dai vicepremier italiani Matteo Salvini e Luigi Di Maio. Francia colpevole, secondo loro, dell’immigrazione massiccia in Europa. Ma prima ancora era stato l’esponente dei 5Stelle Alessandro Di Battista a dire che Parigi sfrutta l’Africa anche grazie alla moneta coloniale, il franco delle Colonie (Cfa).


Henri M.
Fotografo
80 anni

Ho sempre considerato l’Italia amica della Francia. Sono rimasto scioccato da quando detto da Di Maio e Salvini. La Francia aveva molte colonie in Africa ma non è più così. L’immigrazione ha avuto luogo dopo la soppressione della colonizzazione francese. Di Maio avrebbe quindi preferito che la Francia restasse un grande Paese coloniale? I migranti arrivano, generalmente, dalla Libia, Paese che è stato colonizzato dal Regno d’Italia, allora anche l’Italia dovrebbe essere responsabile dell’immigrazione. Dobbiamo restare logici e non parlare senza riflettere.


Gaëlle B.
Assistente sociale
24 anni

Se si fa attenzione c’è interdipendenza tra Francia e Africa. Parte della ricchezza della Francia viene da quel Continente che ha comunque sfruttato. Dall’Italia arrivano accuse? Alcuni politici vorrebbero la creazione di rapporti più privilegiati tra Occidente ed Africa per ragioni commerciali, vedi il cacao. Riguardo al Cfa, parlo dell’Africa occidentale, perché è ancora soggetta a questa valuta: quando diversi Paesi si battono per cambiare la moneta, perché i francesi tengono tanto a mantenerla? C’è qualcosa sotto. Comunque le responsabilità sono di entrambe le parti!


Diana B.
Studentessa Relazioni internazionali
22 anni

Anche se il franco Cfa è una moneta stabile va a svantaggio delle esportazioni degli Stati membri, degli organismi economici africani. È il momento di tagliare definitivamente i legami evidenti della "Franciafrica". Nella destabilizzazione degli Stati africani per lo sfruttamento delle ricchezze ci sono più colpevoli. Il caso del Congo ne è la prova. Condanno l’ipocrisia occidentale. L’immigrazione è diventata un autentico boomerang. Vite umane sono in gioco e l’urgenza  va arginata dall’Europa ma anche dai Paesi interessati all’origine dei flussi.


Maelan G.
Studente Scienze dell’educazione
26 anni

Non si può dire che la Francia si sia disinteressata dei flussi migratori. È ovvio che è il momento di fare in modo che i migranti non si trovino più in una situazione altrettanto disastrosa rispetto al loro Paese d’origine. La situazione è catastrofica. L’Italia è stata certo un po’ abbandonata dagli alleati europei e subisce in pieno il flusso migratorio a causa della sua posizione. Questo sembra chiaro. Ma invece di lanciare accuse sarebbe meglio, anzi sarebbe indispensabile parlarne. Anche se mi rendo conto che è più facile da dire che da fare.


Enrico C.
Farmacista
46 anni

Riguardo all’immigrazione ritengo che in Francia ci sia poca conoscenza. C’è più disinformazione che informazione. L’attacco giunto dall’Italia, rispecchia il metodo dei partuti ora al governo a Roma. C’è anche del vero ma il modo per affrontare la questione, che peraltro non è solo italiana ma anche greca, è sbagliato. Dire che l’Italia è stata abbandonata dall’Europa è un po’ eccessivo. Di Maio ha fatto una riflessione avventata? Vero, ma è esagerato da parte della Francia chiamare a rapporto l’ambasciatrice italiana.


Fabrice D.
Parrucchiere
38 anni

La Francia ha fatto veramente parecchi sforzi nei confronti dei Paesi africani. Non dimentichiamo che siamo ancora molto impegnati militarmente in diverse aree dove come Paese non abbiamo più grandi interessi. Riguardo al franco Cfa, secondo me l’Africa non è pronta ad abbandonarlo, o rischia di passare sotto l’influenza dei Paesi asiatici. La Francia ha accolto molti immigrati prima delle restrizioni. Oggi molti voglio andare in Inghilterra. E poi, ci avviciniamo alle elezioni europee. I migranti sono "oggetto" di propaganda.
27.01.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
27.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 dicembre 2019
27.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2019
22.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2019
18.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, ottobre 2019
15.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2019
06.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 18 novembre 2019
04.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2019
30.10.2019
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2018 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Un traguardo sociale
ma ancora non per tutti
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Il sanguinoso attacco
alla "Terra dell'alba"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'attentato a Londra
rilancia l'allarme jihad
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Emmental e pollo
tra i "falsi svizzeri"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Arrestato
il presunto
aggressore
dell’Aja

Un trono
di soldi…
con lo scopo
di farne di più

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00