La storia della Montblanc un successo senza tempo
Immagini articolo
La regina delle penne
che resiste al digitale
FRANCO ZANTONELLI


Se non fosse stato una figura ottocentesca anche il "Piccolo scrivano fiorentino" di Edmondo De Amicis, il bambino che si alzava di notte di nascosto per aiutare il padre nel suo lavoro di copista, avrebbe probabilmente sognato di possedere una Montblanc. Invece, visto che la stilografica venne creata nel 1924 in Germania quattordici anni dopo la morte dello scrittore diventato famoso grazie al libro "Cuore", il bimbo-scrivano si è dovuto accontentare degli strumenti dell’epoca. Ovvero di una penna e di un calamaio.
Dunque, le Montblanc esistono ormai da 95 anni. Nel corso degli anni successivi sono arrivate le macchine da scrivere elettriche, i computer, i tablet e gli smartphone. Il che non ha impedito alla stilografica di passare da un successo commerciale all’altro. "Non ne abbiamo mai vendute così tante", ha dichiarato di recente al quotidiano Le Temps Nicolas Baretzki, Ceo del gruppo Montblanc nel frattempo diventato uno dei marchi di Richemont, il colosso del lusso con sede a Ginevra, proprietario tra l’altro di Cartier e Van Cleef&Arpels. Un po’ paradossalmente il top manager attribuisce all’arrivo dell’informatica la crescita costante dell’interesse di una certa clientela nei confronti della mitica penna. "Con noi - ha dichiarato Baretzki - la gente torna ai valori tradizionali, arriverei a dire che acquista uno status".
"Si tratta di un prodotto classico ed elegante, con un marchio di qualità - dichiara al Caffè il professore di Economia dell’Università di Friburgo, Sergio Rossi - che ha saputo rinnovarsi nel tempo, suscitando l’interesse anche delle giovani generazioni che ne apprezzano la bellezza e lo stile non appariscente". Potremmo aggiungere che i suoi estimatori si mettono sulla stessa linea di personaggi del calibro dell’ex presidente Usa Barack Obama e degli scrittori Francis Scott Fitzgerald ed Ernest Hemingway, per citare alcuni illustri proprietari di una stilografica Montblanc.
Insomma, con la Montblanc, sono stati scritti capolavori quali "Belli e dannati" e "Il vecchio e il mare". O magari, senza per forza dover essere dei giganti della letteratura, lettere e dei biglietti d’auguri che si conservano per sempre, mentre le email finiscono, fatalmente, nel cestino.
Rimanendo alla questione del successo intramontabile della stilografica tedesca, oggi svizzera d’adozione, nell’era digitale ci si può chiedere se chi insiste nell’utilizzarla non sia affetto da un certo snobismo. Non è, quantomeno, un po’ singolare? "Non è per nulla singolare. Fosse anche per un uso saltuario, una firma con la penna stilografica e l’inchiostro blu fa la differenza", dichiara al Caffè un fan della Montblanc, il professore universitario Remigio Ratti.
Ma cavar fuori la Montblanc, dal taschino o dalla borsetta, è più un gesto chic o un gesto di resistenza all’invadenza della rete? "Entrambe le cose - l’opinione di Sergio Rossi - ma la penna stilografica continua a vendersi perché se ne fa ancora buon uso quando si firmano documenti importanti o si scrivono biglietti a delle persone con le quali si hanno dei rapporti importanti".
Va detto, stando a quanto si è potuto leggere qualche tempo fa sull’inserto scientifico del Corriere della Sera, che "la scrittura a mano permette di leggere meglio ciò che si sta scrivendo" e contribuisce ad aumentare "attenzione e concentrazione". Lo scrittore e sceneggiatore americano John Irving afferma, non a caso, che "scrivere a mano, lentamente, mi aiuta a controllare lo stile".
03.02.2019


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
18.03.2020
Pubblicazione straordinaria: Decreto esecutivo concernente l’annullamento e il rinvio delle elezioni comunali per il periodo 2020-2024 del 18 marzo 2020
18.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2020
13.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2020
11.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
28.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2020
26.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 marzo 2020
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
L'economia malata
cambierà la società
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi



IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Coronavirus:
il business
della paura

Wuhan:
prove tecniche
di normalità

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00