function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Sui Paesi europei la minaccia dei combattenti di ritorno
Immagini articolo
La bomba a tempo
dei reduci dell'Isis
GUIDO OLIMPIO


Nella guerra ai jihadisti - da al Qaeda a Isis - si è cercato di fare pochi prigionieri. Obama, che aveva ereditato il fardello del campo di Guantanamo, ha dato carta bianca a forze speciali e droni: sono stati loro a occuparsi, in modo drastico, del nemico. Eliminandolo. Scelta adottata anche da altri Paesi, come Russia, Gran Bretagna e Francia. Per mesi unità scelte francesi hanno condotto la caccia per "liquidare" i militanti nella zona orientale della Siria, a volte in coordinamento con gli Usa. Pochi giorni fa hanno ucciso Fabien Clain, una delle voci del movimento, il terrorista che aveva rivendicato il massacro del Bataclan del 2015. Altri estremisti sono stati catturati dai guerriglieri curdi ed sono diventati un problema: tra gli 800 e 1.000 detenuti da gestire.
Il presidente Donald Trump ha chiesto ai partner europei di riprendersi i "clienti", ossia i cittadini Ue che hanno aderito al Califfato e sono stati arrestati dai curdi. Una piccola parte di quei 5 mila volontari partiti dall’Europa per il Medio Oriente negli ultimi anni, un segmento dei 40 mila (o forse più) giunti da 80 Paesi. La pressione statunitense, tuttavia, ha incontrato molte resistenze vista la delicatezza del dossier.
Parigi - che ha censito circa 1.900 combattenti giunti in Siria-Iraq - ha detto di essere pronta a rimpatriarne 130. Una cifra che va scomposta: il 75% è rappresentato da donne e bambini, familiari dei mujaheddin. Ora l’impegno dell’Eliseo deve essere confermato, sulla scelta pesano molti dubbi. Gli stessi degli alleati.
Il primo interrogativo è rappresentato dalle eventuali prove a carico dei detenuti. Non è agevole dimostrare la loro colpevolezza, non per tutti ci sono documenti, video, testimonianze sufficienti. Dunque possono finire davanti ad un tribunale, però non è detto che la condanna sia lunga. Quindi c’è il secondo aspetto: i "reduci" sono delle bombe a tempo. In prigione possono fare proselitismo e sappiamo che le celle sono il principale luogo di reclutamento. Inoltre costringono le forze di sicurezza ad un lavoro supplementare di controllo con risorse limitate. Quanti attentati sono stati compiuti nelle città europee da persone note alla polizia, ma comunque in grado di passare sotto il radar per la semplice ragione che sono troppi coloro da tener d’occhio?
E cosa facciamo di donne e minori? Non è una categoria omogenea. Alcuni hanno solo seguito il familiare, non hanno partecipato a gesti violenti, sono in qualche modo delle vittime. Altri invece sono stati coinvolti direttamente in omicidi o torture. Complesso trovare strutture e denaro per trattare casi così diversi. Quale governo è pronto a sfidare l’opinione pubblica con percorsi ad hoc per recuperare "la moglie di un killer"? Però una risposta va trovata. Il Belgio ha suggerito, ad esempio, la creazione di un tribunale internazionale lasciando però che i guerriglieri restino in centri di detenzione in Medio Oriente.
Si è così finiti in un imbuto legale e morale dove l’Unione europea spera che alla fine sia i curdi siriani - nel frattempo quasi abbandonati al loro destino - a occuparsene, anche se non è detto che abbiamo i mezzi adatti per farlo. In alternativa si è ipotizzato un trasferimento di prigionieri in Iraq. E questo mentre ci si chiede quanto sia ancora profonda la capacità strategica dello Stato Islamico dopo la perdita delle basi strategiche in Siria. I pragmatici invitano ad aspettare a dare giudizi conclusivi, il nemico non è mai spacciato e può sfruttare ogni cosa per tornare.
24.02.2019


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Notte
di violenze
nelle città
statunitensi

La lenta
ripartenza
della cultura
europea

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00