Si sfalda il movimento mentre Macron riprende consensi
Immagini articolo
Sempre meno gilet gialli
nelle strade francesi
R. C.


Puntata numero sedici. Il movimento dei Gilet gialli è nuovamente sceso in piazza. E ancora, ieri, sabato, sotto la scorta della polizia. L’appuntamento come da tradizione è stato fissato nel centro di Parigi, nella zona degli Champs-Élysées. La sedicesima manifestazione dei Gilet gialli arriva dopo le aperture del presidente francese Emmanuel Macron e gli inviti alla prudenza del ministero degli interni, in seguito a scontri e tensioni delle settimane scorse. I manifestanti hanno sfilato portando cartelli e striscioni con slogan come "Potere al popolo" oppure "La Francia è saccheggiata dall’oligarchia".
A Parigi sono stati organizzati due cortei. Il più lungo si è snodato su circa dodici chilometri ed è partito dopo che i manifestanti avevano bloccato il traffico nella zona dell’Arco di Trionfo. La polizia è intervenuta e ha fatto sgomberare i gruppi di poche centinaia di persone che erano scesi in strada. Altre manifestazioni si sono poi svolte a Marsiglia,  Montpelliers, Strasburgo, Nantes, Bordeaux, Tolosa. A Lille l’appello a manifestare è stato rivolto anche ai Gilet gialli dei Paesi vicini, Belgio, Inghilterra, Lussemburgo, Olanda e Germania.
Ma intanto il fatto che in piazza i manifestanti siano progressivamente sempre meno spinge diversi osservatori e politologi a dire che ormai il movimento sta tramontando. O almeno si è sfilacciato e diviso e non ha più la forza d’impatto originaria. Tanti francesi, hanno fatto notare i giornali parigini, che inizialmente vedevano i Gilet gialli come un movimento di rottura, capace di rilanciare temi concreti come i salari, il carovita e le imposte, dopo le violenze che si sono succedute, insieme a episodi di intolleranza contro la comunità ebraica, hanno cominciato a prendere le distanze. Poi Macron, con diverse promesse, ha raffreddato gli animi.
Tanto che un sondaggio pubblicato dal quotidiano Le Figaro sulle elezioni europee ha indicato Republique En Marche (Lrem), il partito appunto di Emmanuel Macron, primo in Francia con un risultato attorno al 22 per cento. Una percentuale che supera di due punti quella attribuita al Rassemblement National di Marine Le Pen che ha provato a "cavalcare" il movimento per strappare consensi.
03.03.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.09.2019
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o per incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– per l'anno 2018 [www.ti.ch/commesse]
19.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, agosto 2019
17.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2019
11.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2019
09.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2019
04.09.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 16 settembre prossimo
03.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio 2019
02.09.2019
Aggiornati e completati i dati sugli impianti di depurazione delle acque [www.ti.ch/oasi]
30.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, luglio 2019
27.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2018
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Groenlandia fa gola
alla Cina e all'America
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Killer, boss e agguati
al clan dei marsigliesi
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


La copertina
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
Londra invia
nuovi documenti
a Bruxelles

Argentina:
è in atto
un'emergenza
alimentare

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00