function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
L'intelligence guarda con preoccupazione le cellule Isis
Lo Stato islamico
contagia le Filippine
GUIDO OLIMPIO


Le intelligence guardano con preoccupazione ad Est non solo per le tensioni tra le potenze regionali. India contro Pakistan, questioni territoriali attorno alla Cina, rivalità Washington-Pechino su dazi e comunicazioni, l’Afghanistan, sono solo alcuni dei punti caldi. A mettere in apprensione i servizi di sicurezza è il terrorismo.
Lo Stato Islamico, in difficoltà nel Califfato siro-iracheno, può cercare di allargarsi nei paesi orientali. Gli attentati nelle Filippine hanno rivelato la pericolosità di un movimento insurrezionale mai domo e di forti tradizioni. Separatismo e jihadismo si mescolano, si puntellano, trovano sentieri comuni. L’Isis ha piantato le sue bandiere nere nell’arcipelago anche se i numeri non sono ancora estesi. Diverse fonti hanno segnalato come volontari stranieri si siano uniti a questa falange ed altri potrebbero arrivare. Bastano pochi "veterani" per ridare vigore a gruppi che comunque hanno conquistato sul campo una loro esperienza specifica. L’esercito ha risposto eliminando numerosi capi, però non è bastato. E non poteva essere diversamente. Le formazioni islamiste sono resistenti, l’idea è più forte dell’importanza del leader.
Il contagio non si limita alle Filippine. Gli 007 guardano con attenzione ad altri stati asiatici dove cellule definite "amatoriali" hanno come referenti elementi "cresciuti" sotto il Califfo in Siria. I negoziati in corso in Qatar per mettere fine al conflitto afghano danno spazio agli scontenti, agli irriducibili, a chi non è disposto ad accettare una soluzione. E poi gli uighuri, la minoranza islamica cinese. Pechino schiaccia ogni spirito di ribellione, ha i campi di rieducazione, arresta in modo massiccio. Ma i ribelli non cedono e nuclei consistenti sono attivi in Medio Oriente, al fianco di fazioni qaediste. Sono lontani, però potrebbero provare rilanciare la sfida.
03.03.2019


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Notte
di violenze
nelle città
statunitensi

La lenta
ripartenza
della cultura
europea

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00