Ultimi atti della campagna elettorale per le europee
Immagini articolo
La "destra sovranista"
con Salvini a Milano
R.C.


Una piazza Duomo blindata quella che ha visto, ieri, sabato, sfilare la destra sovranista europea a Milano. Undici le delegazioni straniere arrivate a sostegno del leader leghista Matteo Salvini per la conclusione della campagna elettorale europea. Si voterà il 26 maggio. Mentre un corteo antagonista si è radunato in Piazza Castello.
Salvini è stato accolto come sempre accade nelle manifestazioni della Lega sulle note del "Vincerò" di "Nessun dorma". Sul grande palco gli slogan "L’Italia rialza la testa" e "Stop! Burocrati, banchieri, buonisti, barconi". Dopo essersi concesso una serie di selfie, ha citato lo scrittore Gilbert Chesterton, Papa Giovanni Paolo II, Oriana Fallaci, Donald Trump, promettendo una flat tax al 15% e affidando l’Italia "al cuore di Maria". "Noi amiamo la Madonnina che ci guarda dall’alto - ha detto, indicandola più volte alla folla -. Qui non ci sono estremisti, razzisti, fascisti. La differenza è tra chi guarda avanti, tra chi parla di futuro e di lavoro e chi fa i processi al passato: hanno paura del passato perché non hanno un’idea di futuro. Noi stiamo costruendo il futuro".
Poi ha ribadito che "la politica delle porte aperte dei precedenti governi ha causato 15mila vittime, tra morti e dispersi. Con me, meno di mille. Con me, in Italia e in Europa si arriva con il permesso. Perché non può uno Stato farsi dettare le regole dagli scafisti degli essere umani. Con me, il governo sta azzerando i morti nel Mediterraneo, con orgoglio e spirito cristiano". Prima di lui Marine Le Pen, leader del Rassemblement National (Rn), ha infiammato la piazza: "Non vogliamo più - ha urlato - questa oligarchia senza cuore che ci dirige. Non vogliamo più questa Ue che fa soffiare i nefasti venti della globalizzazione selvaggia".  
Prima ancora Jaak Madison, del partito conservatore estone, ha sostenuto che i "Paesi europei devono recuperare una sovranità, su immigrazione, politiche interne e valuta. Vogliamo avere la possibilità di decidere per noi stessi". Mentre Jörg Meuthen, portavoce federale dell'Alternative fur Deutschland, ha spiegato che "Noi non siamo anti-europei, siamo veri europei. Siamo contro questa Unione europea e le sue politiche decadenti".
Intorno alla piazza non sono mancate le voci di dissenso. Una donna con una maglietta bianca con scritto sul petto "Anche questo è un balcone. Manda la Digos se hai coraggio. Salvini togli anche questo". Un riferimento agli striscioni di protesta verso il vicepremier fatti rimuovere dai balconi in varie parti d’Italia.  "Questi sono i peggiori nemici dell’Italia", ha dichiarato Carlo Calenda, esponente del Pd sfilando nel corteo antagonista che si è radunato in Piazza Castello.
Anche il viceministro Luigi Di Maio dei 5Stelle ha dichiarato alla stampa che "bisogna essere preoccupati" dalle ultradestre europee. Ma su Salvini, alleato di governo, ha aggiunto: "Non ho mai messo in dubbio la (sua) lealtà". Il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, ha così commentato: "Spazio a tutti per fare manifestazioni ma poi quello che io dico a questi sovranisti è che si possono prendere l’Italia, l’Europa, il mondo, ma non Milano. Penso proprio che Milano resisterà".
19.05.2019


LO STUDIO

Il settimanale "il Caffè",
giornale di qualità
IL DOSSIER


Il Cardiocentro
I servizi del Caffè
e i documenti ufficiali
IL GIALLO


L'infermiere
accusato di uccidere
i pazienti anziani
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Quel Modi indiano
piace a Usa e Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La fuga dei miliardari
imbarazza gli Emirati
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Le serie streaming
escluse da Cannes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
GRANDANGOLO

Il mondo dell'infermiere
affascinato dalla morte
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
L'INCHIESTA

'Il caldo e le gelate
devastano i nostri campi'
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

La scivolata di Fognini
tennista quaquaraquà
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2019
12.07.2019
Consultabili online le temperature dei fiumi misurate in continuo presso le stazioni idrologiche cantonali e federali [www.ti.ch/oasi]
28.06.2019
Servizio militare: giornate informative 2019
27.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2018
26.06.2019
L'ufficio dei beni culturali segnala la pubblicazione di un nuovo sito tematico dedicato al Monetario cantonale [www.ti.ch/monetario]
25.06.2019
Aggiornato il catasto del potenziale solare degli edifici con i dati di tettosolare.ch consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
19.06.2019
Nuova veste grafica, contenuti e funzionalità per il sito della Divisione della formazione professionale
17.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2019
13.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, giugno 2019
12.06.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 24 giugno 2019.

I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Le gare
dei bufali
in Thailandia

Silk Way
Rally 2019,
dalla Cina
con furore

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00