Sì di genitori e quartieri al "no smoking" nei parchi gioco
Immagini articolo
Se il parco verde
va a finire in fumo
MAURO SPIGNESI


Raccontano che la mattina, quando gli operai arrivano per fare le pulizie, ovunque racimolano decine e decine di mozziconi di sigarette. Spenti, abbandonati ovunque. Anche accanto agli scivoli, alle altalene e ai giochi. Uno spettacolo desolante, che non è legato ai ragazzi che spesso tirano l’alba nei parchi riservati ai bambini o in quelli pubblici in compagnia di qualche birra. No, il littering è "prodotto" da madri e padri che entrano in questi spazi con la sigaretta accesa. Un brutto segnale. "Perché poi il problema di fondo - spiega Lara Lindiri, presidente dell’Assemblea dei genitori di Mendrisio - è quello che gli adulti devono dare l’esempio. E dunque è importante, secondo me, che i bambini abbiamo modelli positivi compreso quello di stare lontani dal fumo. Perché fa male alla salute".
Stare lontano dal fumo è anche il concetto, anzi uno dei concetti che era contenuto nelle mozioni bocciate dalla maggioranza del Gran consiglio e presentate dalla deputata del Ppd Nadia Ghisolfi (vedi articolo pagina a fianco). Nelle proposte si chiedeva di estendere anche a livello cantonale una serie di regole presenti in alcuni comuni dove vige il divieto di fumare attorno alle aree di svago rivolte ai bambini. "Come a Lugano dove questa norma è già stata introdotta dal Municipio e personalmente lo ritengo un segnale positivo", spiega Marco Imperadore, presidente della Commissione di quartiere di Pregassona. "Io però penso - aggiunge Imperadore - che al di là delle regole e delle norme, tutto debba partire dalle persone, dunque dal buonsenso e dalla buona educazione. In fin dei conti non si tratta di vietare il fumo, non si tratta di imboccare la strada della tolleranza zero, ma di limitare certi comportamenti in modo da trovare un giusto equilibrio tra esigenze diverse. Ad esempio quando si è in un ristorante anche se si è seduti all’aperto e si capisce che il fumo è fastidioso per i vicini di tavolo, è meglio smettere".
In questi anni tuttavia è maturata una sensibilità nuova. Insieme ai Comuni, contro il fumo passivo anche all’aperto stanno scattando una serie di norme generali. Ad esempio per piscine e lidi, per le stazioni del trasporto pubblico, o per le zone davanti agli ingressi degli ospedali. "Personalmente penso che dovrebbe essere ovvio che nei parchi non si debba fumare - sostiene Aline Vanina presidente dell’Assemblea dei genitori di Biasca -. Se ci si prende il tempo per andare al parco giochi, lo si fa per il bambino. In quel momento si può quindi rinunciare alla propria sigaretta e dedicarsi a lui". Vanina sottolinea poi la questione educativa. "A scuola i bambini imparano che ci vogliono anni prima che un mozzicone si decomponga - spiega -. Poi vanno al parco e vedono delle mamme che gettano la sigaretta a terra fregandosene dell’aspetto ambientale. Non è un bell’esempio".
E sempre sull’aspetto educativo insiste anche Lara Lindiri: "Io credo che nei parchi gioco o negli altri spazi frequentati dai nostri figli ci debba essere il divieto di fumo. Ma tutto dovrebbe partire da noi adulti. Nel senso che magari certi genitori evitano di fumare al parco ma poi lo fanno tranquillamente a casa. Naturale che non si possa creare un mondo ovattato per i nostri figli ma basterebbero piccoli, essenziali accorgimenti per migliorare la qualità della vita e la salute di tutti".
Il principio della responsabilità individuale è quello che dovrebbe valere, oltre le regole appunto. "Io sono assolutamente favorevole al divieto di fumo in quei luoghi pubblici, sensibili direi, perché sono frequentati dai bambini", spiega Giovanni Zedda, presidente della Commissione di quartiere di Molino Nuovo, una realtà di 9.700 abitanti dove gli spazi verdi sono diversi. "E proprio per questo è importante - aggiunge Zedda - che ci siano regole certe di convivenza rispettose delle diverse sensibilità di chi abita in questa nostra area cittadina".
mspignesi@caffe.ch
09.06.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
05.08.2019
Comunicazione Ustat: Pericoli naturali Ticino
30.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2019
29.07.2019
Avviso di prudenza del 29.07.2019 nell'accensione di fuochi commemorativi e d'artificio per i festeggiamenti del 1° agosto 2019 [www.ti.ch/incendi-boschivi]
15.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2019
14.07.2019
Traversa di Cavanna/Bedretto - coordinate 682/152 - Predazione 3 pecore
12.07.2019
Consultabili online le temperature dei fiumi misurate in continuo presso le stazioni idrologiche cantonali e federali [www.ti.ch/oasi]
06.07.2019
Alpe Pesciora/Bedretto - coordinate 681/151 - Predazione 3 pecore
28.06.2019
Servizio militare: giornate informative 2019
27.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2018
26.06.2019
L'ufficio dei beni culturali segnala la pubblicazione di un nuovo sito tematico dedicato al Monetario cantonale [www.ti.ch/monetario]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
A Hong Kong la rivolta
che cambierà la Cina
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La fuga dei miliardari
imbarazza gli Emirati
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il tiranno Salvini
al ballo del Papeete
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"


La copertina
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Le pubblicazioni
di Rezzonico
Editore

Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Indonesia:
Giacarta,
la città
che affonda

Open Arms,
Salvini autorizza
lo sbarco
dei minori

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00