Il tecnico radiologo del Civico sullo scandalo epatite C
Immagini articolo
"No, non sono stato io
a contagiare i pazienti"
R.C.


No, non ricordo se sia stato io ad occuparmi di quel paziente". Aveva detto di non ricordare, di non ricordare cosa avvenne davvero quella mattina del 19 dicembre 2013. Lo aveva detto il tecnico di radiologia davanti al magistrato, l’allora procuratore generale John Noseda, che lo interrogava. Era l’ottobre del 2014. Eppure al processo-bis, che si è chiuso nei giorni scorsi davanti al giudice della Pretura penale Siro Quadri (si attende solo la sentenza), si è saputo che proprio uno degli anziani infettati (oggi guariti) che avevano contratto l’epatite C facendo scattare l’inchiesta, ha avuto un guizzo di memoria e ha detto di ricordare il tecnico che aveva eseguito quell’analisi. Tutto era partito da una sacca multiuso di soluzione fisiologica, che serve a "liberare" la via venosa per introdurre, in vena appunto, il liquido di contrasto prima di una Tac. I tre pazienti che seguirono il primo (quello affetto a sua insaputa da epatite C) contrassero il virus a causa appunto di quella sacca multiuso infettata.
Chi fece quell’operazione? Al di là di ogni ragionevole dubbio, così è stato stabilito, non si è mai saputo, tanto che per il tecnico era stato firmato un decreto d’abbandono. Ed ecco perché sul banco degli imputati è finito l’Ente ospedaliero cantonale. Ora è emerso che un anziano paziente si è ricordato particolari di quella mattina e in aula, messo poi a verbale, ha assicurato che fu proprio quel tecnico ad iniettargli il liquido di contrasto prima dell’esame della Tac. In sostanza, ad un primo tentativo andato a vuoto, ne è seguito un secondo prelevando la soluzione fisiologica senza cambiare la siringa.  
Stando alla ricostruzione del medico cantonale, il paziente numero zero, già portatore del virus, è sottoposto alla Tac alle 9.25. Poco dopo arriveranno, sempre nello stesso reparto, gli altri tre degenti. Tutti saranno contagiati. Ma il tecnico durante l’inchiesta aveva spiegato che a fare la Tac non era stato lui. "Potrebbe essere stato qualcun altro - aveva detto -  magari del reparto di radiologia o della diagnostica, chiunque fosse di turno". Del resto, aveva aggiunto, può capitare di chiedere l’intervento di un altro collega. "Capita se io sto compiendo un altro lavoro - aveva precisato - o se vengo chiamato dal medico per una qualsiasi ragione e non posso pertanto occuparmi della preparazione dei pazienti sottoposti alla Tac".
In realtà, aveva sottolineato il tecnico, può capitare anche l’inverso. "Che noi dobbiamo aiutare loro". Il procuratore generale (in aula l’accusa è stata sostenuta dal procuratore Moreno Capella) aveva chiesto allora se quel giorno fosse stato chiamato in un altro reparto per un’altra incombenza. "Purtroppo - aveva risposto il tecnico - non mi ricordo, dato il tempo trascorso e il numero di pazienti che devo trattare ogni giorno".
Il mezzo di contrasto da iniettare si preleva da una sacca e si usa una decina di volte. Per ogni degente si deve adoperare una siringa nuova e sterile. La sacca però è la stessa. Il rischio di aspirare due volte con la stessa siringa quindi, in teoria non esiste. Oppure sì?, aveva chiesto Noseda. Il contagio potrebbe essere partito da lì. Il tecnico aveva ribattuto che non è possibile. Neanche nel caso del paziente zero che parla di due tentativi, prima nel braccio sinistro, poi in quello destro. "Dopo aver inserito l’ago nel braccio - aveva detto il tecnico - si vede a occhio nudo se la vena è stata trovata, poiché il sangue confluisce nella cavità all’estremità dello strumento: se ciò non avviene, perché non ho trovato la vena, non ho neppure motivo di iniettare il contenuto della siringa".
14.07.2019


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
27.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 dicembre 2019
27.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2019
22.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2019
18.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, ottobre 2019
15.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2019
06.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 18 novembre 2019
04.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2019
30.10.2019
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2018 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Un traguardo sociale
ma ancora non per tutti
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Il sanguinoso attacco
alla "Terra dell'alba"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'attentato a Londra
rilancia l'allarme jihad
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Emmental e pollo
tra i "falsi svizzeri"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Arrestato
il presunto
aggressore
dell’Aja

Un trono
di soldi…
con lo scopo
di farne di più

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00