La Fondazione Efa per chi ha contratto il mesotelioma
Immagini articolo
"Vogliamo aiutare
i malati d'amianto"
ANDREA BERTAGNI


Chi è malato parli. Perché a morire di amianto finora in Svizzera sono state 2mila persone. E in Ticino sono ancora poche le richieste di aiuto. Non solo per ricevere un sostegno clinico o psicologico. Anche finanziario. "Ogni anno in Svizzera si ammalano di mesotelioma, un tumore maligno riconducibile a una lunga esposizione all’amianto, circa 120 persone - dice Urs Berger, presidente della Fondazione fondo per le vittime di amianto (Efa) - e per circa un terzo di loro ci sono le premesse per un risarcimento". Peccato che dal Ticino le richieste finanziarie e psicologiche fino a oggi non sono state molte. "Sono state 12 su 151", osserva Berger.
Ecco perché la Fondazione Efa, finanziata con contributi volontari da imprese e donazioni private, guarda al sud della Svizzera per lanciare il suo appello. Tanto più che, sebbene sia stato vietato più di 25 anni fa, l’amianto (detto anche Eternit) non è ancora scomparso da molti edifici in Ticino. Anzi, negli stabili pubblici e privati risalenti a prima del 1991 la sua presenza è ancora frequente. Gli accertamenti compiuti dal Cantone nel 2014 hanno stabilito che negli immobili costruiti prima del 1991 è la regola e non l’eccezione. Tanto che, si stima, può esserci nell’87% degli stabili.
Andrea Azzola, primario di pneumologia all’ospedale cantonale di Lucerna e vicepresidente della Lega polmonare ticinese, non si sorprende. "In Ticino ci sono circa 10 casi clinici all’anno - dice -. Il problema principale è che il male si manifesta a lunga distanza dal contatto e quindi subentrano anche difficoltà dal punto di vista delle assicurazioni sanitarie". E spiega: "Un numero considerevole di vittime non riceve adeguate prestazioni dalle assicurazioni sociali. Sebbene le persone colpite e i loro familiari possano avviare azioni legali per ottenere un risarcimento, spesso produrre le prove della correlazione tra la malattia e l’esposizione all’amianto risulta difficile". Lo testimonia la storia di Linard Thom (qui a fianco).
Tutto questo, quando il rischio di sviluppare una malattia dipende da molteplici fattori. Ad assumere un ruolo fondamentale è la quantità totale di fibre inalate e il tempo di esposizione. "Più a rischio sono coloro che hanno lavorato a contatto con materiali contenenti amianto senza alcuna protezione - afferma Berger -. Anche se nel caso del mesotelioma maligno pure una breve esposizione può portare alla malattia".
Da qui la volontà politica nata su spinta del consigliere federale Alain Berset di non restare con le mani in mano. Anche perché una volta comparso il mesotelioma avanza velocemente e, in quasi tutti i casi, porta al decesso. Alle persone colpite rimangono in media uno-due anni di vita. "Berset ha coinvolto aziende, associazioni di vittime, avvocati, sindacati, Suva e amministrazione federale e nel 2017 ha fatto nascere la Fondazione Efa".
Per coprire tutte le richieste di risarcimento la Fondazione avrà bisogno di 100 milioni . "Le domande potrebbero diventare 1.500", afferma il presidente. E una parte di queste si spera possano arrivare anche dal Ticino.

abertagni@caffe.ch
14.07.2019


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
05.08.2019
Comunicazione Ustat: Pericoli naturali Ticino
30.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2019
29.07.2019
Avviso di prudenza del 29.07.2019 nell'accensione di fuochi commemorativi e d'artificio per i festeggiamenti del 1° agosto 2019 [www.ti.ch/incendi-boschivi]
15.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2019
14.07.2019
Traversa di Cavanna/Bedretto - coordinate 682/152 - Predazione 3 pecore
12.07.2019
Consultabili online le temperature dei fiumi misurate in continuo presso le stazioni idrologiche cantonali e federali [www.ti.ch/oasi]
06.07.2019
Alpe Pesciora/Bedretto - coordinate 681/151 - Predazione 3 pecore
28.06.2019
Servizio militare: giornate informative 2019
27.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2018
26.06.2019
L'ufficio dei beni culturali segnala la pubblicazione di un nuovo sito tematico dedicato al Monetario cantonale [www.ti.ch/monetario]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
A Hong Kong la rivolta
che cambierà la Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La fuga dei miliardari
imbarazza gli Emirati
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il tiranno Salvini
al ballo del Papeete
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"


La copertina
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Le pubblicazioni
di Rezzonico
Editore

Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Indonesia:
Giacarta,
la città
che affonda

Open Arms,
Salvini autorizza
lo sbarco
dei minori

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00