L'uomo al centro della vicenda dell'epatite C al Civico
'Ha provato nei due lati
prima di trovare la vena'
R.C.


Se il tecnico di radiologia non ricorda, anche il primo paziente che alle 9.30 si sottopose alla Tac all’ospedale Civico di Lugano quel 19 dicembre 2013 non ricorda. Interrogato nel settembre dell’anno dopo, quando scattò l’inchiesta del ministero pubblico sulle infezioni da epatite C, racconta che quella mattina nella sala dove era stato sottoposto all’esame c’erano due persone, una donna e un uomo. "Preciso che la donna non l’ho mai vista, in quanto era lontana da dove mi trovavo io e sentivo solo la sua voce, chiaramente femminile". Anche dell’uomo il pensionato, arrivato in ospedale per un esame che ormai ripeteva ogni anno dopo un intervento chirurgico, dice d’avere vaghi ricordi. "Per quanto riguarda la persona di sesso maschile non sono in grado di descriverla bene fisicamente, anche perché io ero disteso nel lettino della Tac e non l’ho visto bene. Posso dire che aveva approssimativamente circa una trentina di anni ma del suo aspetto fisico non sono in grado di riferire nulla".
Però, il pensionato rammenta con certezza che era stato lui, l’uomo, a "prendere e manipolare la mia vena durante e dopo l’esame Tac". Ed era stato lui, alla fine, a "togliermi l’ago dalla vena". Questo particolare al testimone convocato al Ministero pubblico è chiaro. "Questa persona di sesso maschile - disse - è venuta a chiamarmi in sala d’attesa, mi ha fatto sdraiare sul lettino della Tac e poi si è preoccupato di prendermi la vena per la successiva iniezione di liquido di contrasto". Il testimone, comunque, ha ricordato un particolare che poi è emerso più volte durante l’inchiesta. "La persona di sesso maschile ha provato a prendermi la vena nel braccio sinistro ma non è riuscito a prenderla e quando è passato al braccio destro è riuscito a trovare la vena".
Il pensionato, all’inizio dell’interrogatorio, aveva raccontato che non era "affatto a conoscenza di essere portatore del virus dell’epatite". E che ha saputo d’essere infettato quando era stato convocato al Civico, all’inizio del giugno 2014. In una lettera successiva (febbraio 2015) al procuratore generale aveva raccontato di non aver "mai saputo di essere malato di epatite" e di aver subito in precedenza diversi ricoveri ospedalieri. "Comprenderà - scriveva allora - che mi resta il dubbio di sapere da un lato se davvero ho l’epatite C da tanto tempo (o comunque prima di quell’esame Tac) e dall’altro se quel liquido-siringa che hanno infettato i pazienti non lo siano stati da altra fonte e quindi se sia stato io il paziente da cui è partita la catena di infezione o se pure io ne sono vittima".
Nell’incontro con i vertici dell’ospedale, il paziente racconta che gli era stato detto "che i pazienti infettati sono 5, ma che uno di loro era già infettato dal virus e che quindi io, insieme ad altre tre persone, siamo stati contaminati".
L’uomo, inoltre, nell’interrogatorio ha detto che prima dell’esame non gli era stato chiesto se fosse portatore di qualche virus. Ma che "prima di sottopormi alla Tac ho compilato un questionario nel quale vengono formulare domande in tal senso".
14.07.2019


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
27.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 dicembre 2019
27.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2019
22.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2019
18.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, ottobre 2019
15.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2019
06.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 18 novembre 2019
04.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2019
30.10.2019
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2018 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Un traguardo sociale
ma ancora non per tutti
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Il sanguinoso attacco
alla "Terra dell'alba"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'attentato a Londra
rilancia l'allarme jihad
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Emmental e pollo
tra i "falsi svizzeri"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Arrestato
il presunto
aggressore
dell’Aja

Un trono
di soldi…
con lo scopo
di farne di più

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00